Incendia la stanza del centro accoglienza,
il gestore gli spara: grave immigrato 19enne

  • 11/11/2017 09:23:42
  • ATTUALITA

Gricignano d’Aversa (Caserta) – Nella tarda serata di venerdì i carabinieri della stazione di Gricignano d’Aversa sono intervenuti in via Leonardo da Vinci, presso il centro di accoglienza “La Vela”, insieme ai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Marcianise, dopo aver ricevuto la segnalazione del ferimento con colpi d’arma da fuoco di un ospite del centro, il cittadino 19enne del Gambia Bobb Alagiee.

Il giovane nelle ore precedenti aveva deciso di dare fuoco, per protesta, alla sua stanza, costringendo all’evacuazione i migranti alloggiati nello stabile. Come hanno dimostrato le indagini dei militari dell’Arma, in attesa che arrivassero i vigili del fuoco di Aversa per spegnere l’incendio, uno dei soci del consorzio che gestisce alcuni centri di permanenza temporanea nella Regione Campania, il 43enne Carmine Della Gatta, si è recato sul posto e dopo aver avuto un’animata discussione con Alagiee, ha esploso contro di lui due colpi di pistola che lo hanno ferito alla bocca: poi si è dileguato a bordo di un’auto condotta da una seconda persona.

Le dichiarazioni di un testimone e gli accertamenti effettuati dai carabinieri hanno permesso di rintracciare l’uomo e sottoporlo a fermo. Nel frattempo il giovane africano, inizialmente trasportato dal personale del 118 all’ospedale di Aversa, è stato trasferito in rianimazione al Cardarelli di Napoli, dove è ricoverato in prognosi riservata.

I carabinieri hanno perquisito l’abitazione di Della Gatta trovando e sequestrando 4 fucili e 2 pistole, tutti detenuti regolarmente. Inoltre sul luogo della sparatoria hanno rinvenuto, e anche in questo caso sequestrato, un’ogiva conficcata nell’asfalto. I motivi del gesto sono verosimilmente riconducibili ad alcune manifestazioni di protesta inscenate dal cittadino straniero nelle scorse settimane e culminate con l’episodio dell’incendio della stanza.

News correlate