I Nantiscia colorano il Day Twenty9
con le atmosfere country etno-world

  • 12/11/2017 17:56:57
  • CULTURA

Caserta - Ieri sera sul palco del Club Twenty9 si sono esibiti i Nantiscia, il gruppo di musica etno-world casertano che ha rappresentato l’Italia al all’XI edizione dell’International Music Festival “Sharq taronalari” di Samarcanda (Uzbekistan).

La musica etnica dei NANTISCIA (il nome è l’anagramma di Sannitica, la strada voluta da Re Carlo di Borbone per collegare Termoli a Napoli) è anche un ponte per far conoscere San Leucio e Samarcanda, due città Siti UNESCO e due Paesi con grandi ricchezze culturali e potenzialità turistiche. Una delle loro canzoni più belle, “N’trezziannno culure” è dedicata proprio alla tessitura della seta fatta con gli antichi telai di San Leucio.

Il progetto musicale che propongono si nutre dei temi della tradizione popolare per sfociare nell’universo della musica Word con contaminazioni e colori di jazz, country e tutte le sfumature delle culture musicali del mondo. Il gruppo composto da Annalisa Messina (voce), Ferdinando Ghidelli (chitarra e pedal steel), Peppe Vertaldi (batteria), Donato Tartaglione (contrabasso), Ubaldo Tartaglione (chitarra e mandolino), Pina Valentino (percussioni), Almerigo Pota (flicorno) e Luciano Pesce (tastiere) ha presentato i brani del CD denominato semplicemente “Nantiscia” prodotto da Andrea Aragosa con l’etichetta Black Tarantella.

I Nantiscia hanno curato anche la colonna sonora del film “La condanna dell’essere”, cortometraggio del 22enne regista esordiente casertano Adriano Morelli, fratello di Edoardo De Angelis (regista di “Mozzarella stories”, “Perez”, “Indivisibili”).

Ecco la track-list dell’album “Nantiscia”:
01 – Cuncetta abballa
02 – Sta felicità
03 – N’trezzianno culure
04 – N’è ora
05 – De toutes les choses
06 – Lu santo piscatore
07 – Sciummo sciummo
08 – Celtinando
09 – Addo’ so ghiut

News correlate