Capodrise, le “visioni temporali”
di Andrea Martone incantano il PalArti

  • 05/12/2017 08:52:45
  • CULTURA

Capodrise (Caserta) - Il terzo padre. Dopo Domenico Mondo e Andrea Sparaco, fino al 21 dicembre, il Palazzo delle Arti ospiterà Andrea Martone e le sue “Visioni temporali”. La personale racconta, in pittura, la vita di un uomo e di un artista autentico che è riuscito a conservare l’incanto della sua terra in mani sapienti e in occhi da bambino.

IL DIBATTITO E LA MOSTRA
La mostra è stata inaugurata, l’altra sera, nella sala Biblioteca del PalArti, in via Giannini, 30. Il vernissage è stato preceduto da un incontro-dibattito, dal titolo “Martone l’uomo l’artista, dentro la città”, al quale sono intervenuti, tra gli altri, il critico d’arte Giorgio Agnisola, il sindaco Angelo Crescente, l’assessore alla Cultura Antonella Marotta, la consigliera comunale Roberta Argenziano, quale componente della commissione Cultura, Michelangelo Giovinale, curatore d’arte e direttore artistico della rassegna “In cerca del padre” e lo stesso Martone.

L’OPINIONE DELLA CRITICA
Andrea Martone è di quegli artisti che sentono l’arte innanzitutto come felicità della visione, come esperienza del fare che colma l’anima e i sensi; anima e sensi che attraverso l’immagine esteriore evocano quella interiore, dando un nome fisico a ciò che non ha nome, se non nel mistero della vita. L’opera nasce come intuizione, da un rapimento; porta il segno di una gestualità forte, di un cromatismo intenso, spesso affidato ad amalgami improvvisi, vibranti e tonali; si direbbe miracolosi. La pittura risente di una intrinseca tensione, di un bisogno di sforare la superficie e dilatarla, di aggiungere al tessuto e all’intreccio la consistenza materica.

TRA PITTURA E SCULTURA
Martone vive e opera a Capodrise. Scultore, pittore, grafico, ha al suo attivo una lunga carriera artistica, segnata da decine di mostre personali e dalla realizzazione di numerose, significative opere pubbliche, tra cui il Monumento ai Caduti di Capodrise, quello ai Partigiani di Orta di Atella, la statua della Madonna di Casapuzzano, il grande pannello in bronzo, collocato presso il Comune di Capodrise, il Monumento ai Caduti della Villa Comunale di Santa Maria Capua Vetere, la Madonna in bronzo del Duomo di Formicola e un Monumento ai Caduti sul lavoro di Caserta. La personale di Martone rientra nel progetto “Pittori di Capodrise nell’arte Campana e oltre”, cofinanziato dalla Regione e dal Comune di Capodrise.

MARTONE NELL’ARTE CAMPANA E OLTRE
La personale di Andrea Martone rientra nel progetto “Pittori di Capodrise nell’arte Campana e oltre”, cofinanziato dalla Regione e dal Comune di Capodrise, prima tappa del viaggio “In cerca del padre”, che si concluderà a fine giugno. La rassegna culturale gode dei patrocini morali della Provincia di Caserta, della Regione Campania, del Consiglio Regionale della Campania e del Mibact. Partner istituzionali sono il liceo “Buccini”, il liceo “Quercia” e l’istituto comprensivo “Cavour” di Marcianise, il liceo “Righi Nervi” di Santa Maria Capua Vetere e l’istituto “Gaglione” di Capodrise.

(Ufficio Stampa Palarti Capodrise)

News correlate