10 consigli per diventare popolare su YouTube

10 consigli per diventare popolare su YouTube

YouTube è una piattaforma perfetta per i creator di qualunque tipo: artisti, gamer, personal trainer, attori, doppiatori, cuochi, comici e quant’altro; non solo è possibile far conoscere se stessi e il proprio lavoro, ma si può anche guadagnare dai propri video tramite pubblicità e sponsor.

Prima di poter accedere alla monetizzazione, però, è necessario far crescere il canale abbastanza da poter richiedere la partnership a YouTube; i requisiti per ottenerla sono cambiati diverse volte nel corso degli anni, ma la domanda dei creators alle prime armi è sempre la stessa: come far crescer il canale?

1 – Acquistare visualizzazioni e iscritti

Se nonostante gli sforzi il canale non cresce, o semplicemente non si ha voglia di aspettare, è possibile migliorare la situazione tramite l’acquisto di visualizzazioni video, di iscritti, di like e di commenti. In questo modo il canale avrà un aspetto più autorevole e spingerà gli utenti reali a iscriversi e interagire spontaneamente.

Sono molti i servizi in grado di aiutare in breve tempo i creators senza richiedere cifre eccessive. In genere è sufficiente inserire l’URL del canale, l’indirizzo email e il metodo di pagamento; dopodiché, sarà sufficiente attendere che il prodotto venga consegnato.

Conviene sempre scegliere un servizio in grado di dilazionare nel tempo iscritti e visualizzazioni, così da mimare un andamento naturale che non allarmi in alcun modo l’algoritmo di YouTube. Se il canale YouTube è molto giovane o particolarmente piccolo, conviene non comprare più pacchetti da fornitori diversi per non dare l’impressione di una crescita anomala.

2 – Curare nel dettaglio le miniature dei video

In una piattaforma che da anni registra migliaia di nuovi video quotidiani, è fondamentale creare una miniatura in grado di risaltare in mezzo alle altre. Per quanto il contenuto sia qualitativamente valido, è necessario presentarlo nel modo corretto affinché venga notato. Per raggiungere questo scopo, bisogna:

– Scegliere sempre immagini di alta qualità che siano belle non solo a dimensione naturale, ma anche sul piccolo schermo di uno smartphone.

– Scegliere un font e un colore che siano perfettamente leggibili su qualunque sfondo; è bene enfatizzare le parole più importanti e usare il testo solo all’occorrenza.

– Creare uno stile grafico inconfondibile che permetta all’utente di identificare il canale; molti youtuber usano sempre lo stesso font e le stesse palette di colori.

3 – Scegliere i titoli con attenzione

Conviene scrivere tutte  le parole chiave importanti nel titolo, usando il maiuscolo per far risaltare quelle più significative. Meglio non utilizzare termini clickbait o peggio ancora controversi; gli sponsor di YouTube preferiscono non posizionare i loro annunci su video di questo tipo.

In generale i riferimenti moderati possono essere tollerati, ma i titoli non dovrebbero mai contenere:

– Parolacce, insulti omofobi, razzisti o che incitino all’odio.

– Riferimenti a contenuti scioccanti o inappropriati per i più giovani (come droghe o armi da fuoco al di fuori di un contesto didattico).

– Riferimenti a guerre, morti, tragedie o attacchi terroristici. Se il canale in questione tratta di storia antica, moderna e contemporanea, oppure di notizie da tutto il mondo, potrebbe essere in qualche modo penalizzato dall’algoritmo.

YouTube è sempre disposto a dividere coi creators i guadagni derivati dagli sponsor, ma questi ultimi non vogliono in alcun modo essere associati a degli argomenti potenzialmente controversi; nel dubbio, meglio non esporsi (almeno all’inizio).

4 – Associare altri profili social alla pagina YouTube

Un canale con un profilo Instagram, Twitter, Facebook e magari un blog o un sito a tema sembrerà più professionale e potrà usufruire di più metodi per raggiungere un pubblico sempre maggiore. Ovviamente, a meno che non si faccia l’influencer a tempo pieno, non tutti i social potranno essere utilizzati tanto quanto YouTube; tuttavia, qualche post, storia o reel al momento giusto possono comunque aumentare la visibilità.

Nel corso degli anni YouTube ha aggiunto diverse funzioni che imitano gli altri social, come le dirette (Twitch), i post della sezione Community (Facebook), le storie (Instagram) e gli YouTube Shorts (TikTok). Anche se la piattaforma fa di tutto per essere autosufficiente, è meglio raggiungere anche gli utenti esterni quando possibile.

Molti gamer scelgono di unire il proprio canale YouTube a un server Discord; in questo modo la community avrà un luogo dove incontrarsi per chattare e chiacchierare, creando un dialogo diretto con il creator.

5 – Collaborare con altri creators

Collaborare con altri youtubers affini è sempre un ottimo modo per scambiarsi l’utenza e accrescere il pubblico di entrambi. Prima di provare, però, è necessario che le persone coinvolte si conoscano ed entrino in confidenza sufficiente per ottenere un risultato spontaneo, godibile e non troppo impostato.

La cosa migliore sarebbe chiedere aiuto a uno youtuber molto più grande e affermato, ma è difficile riuscire nell’intento senza le giuste conoscenze.

6 – Dare coerenza e qualità al canale

L’aspetto estetico deve sempre essere ben curato e la pagina del canale non dev’essere da meno: è necessario mettere un bel video in evidenza, raccogliere i contenuti in playlist ordinate e metterle in primo piano nella pagina del canale. Anche il banner deve essere accattivante e in linea con la grafica delle miniature.

Allo stesso tempo, anche la qualità dei video dovrà essere alta; molti iniziano la propria carriera con gli oggetti che hanno, ma quando possibile è bene investire in un buon equipaggiamento (luci, webcam, microfoni, computer, ecc.).

7 – Ricordare agli spettatori di iscriversi e interagire

Non tutti gli utenti di YouTube hanno l’abitudine di iscriversi ai canali che seguono oppure di interagire con commenti, suggerimenti e like; potrebbe essere una buona idea ricordare loro di farlo all’inizio o nel mezzo del video (non alla fine, perché raramente uno spettatore arriva fino al termine del video).

8 – Pubblicare contenuti regolarmente

A seconda del tipo di canale, è bene abituare gli utenti a un certo tipo di regolarità. I canali di cucina, di gaming o di notizie, per esempio, potranno pubblicare più video settimanali; artisti, attori, scienziati e musicisti potranno permettersi di pubblicare meno spesso. L’importante è non lasciare un canale completamente inattivo troppo a lungo, o avrà meno possibilità di essere indicizzato.

9 – Ascoltare il parere degli iscritti (quando già ce ne sono)

YouTube consente di mantenere un rapporto diretto con gli iscritti; è pertanto importante reagire ai commenti con like, cuori di apprezzamento e risposte. Fare domande agli spettatori può essere molto utile, perché permette loro di rispondere e sentirsi coinvolti. Un buon creator deve sapere quando è il caso di ascoltare i suggerimenti degli iscritti più fedeli e affezionati, perché alcuni di essi potrebbero dare spunti e riflessioni particolarmente interessanti.

10 – Studiare

Essere un buon creator di YouTube richiede competenze base di videomaking, grafica, marketing e copywriting. Ovviamente una singola persona non può sapere tutto fin dal primo giorno, ma è comunque bene rimanere sempre aggiornati e leggere le linee guida e gli aggiornamenti di YouTube.