Il 22 aprile si celebra la giornata mondiale della Terra. Concerto dei big a Roma, a Caserta nessuna manifestazione

image credit: theholidayspot.com

L’Earth Day è la più grande manifestazione ambientale del Pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia; coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo.

L’iniziativa nasce con l’intento di promuovere la tutela e la conservazione delle risorse naturali della Terra. Un evento finalizzato a valutare le problematiche del Pianeta: l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, la distruzione degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili.

Un avvenimento che potrebbe essere educativo ed informativo anche per i nostri giovani ed i nostri bambini nelle scuole finalizzato a renderli maggiormente consapevoli sulle tematiche ambientali. Una città come Caserta, quasi costantemente all’ultimo posto nelle classifiche della qualità della vita, perde un’occasione importante di fare formazione e educazione. Siamo convinti che Caserta dovrebbe assolutamente avere un’aspirazione green ed istituire, quale amministrazione una qualche manifestazione a sostegno di una causa così importante. Speriamo di sbagliare e vedere spuntare, se non dalle istituzioni, quanto meno dalle associazioni, una spinta ambientale in questa città che ne ha un’assolta necessita

Il primo riconoscimento del legame tra l’ambiente ed i diritti umani si è avuto nel 1972, quando nell’ambito della Conferenza di Stoccolma è stata adottata la Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’ambiente umano. Oltre a tali riconoscimenti di carattere generale, alcuni trattati adottati dopo il 1972 contengono, invece, un esplicito riferimento all’ambiente. L’articolo 24 della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dell’infanzia (1989) garantisce il diritto alla salute, prendendo in considerazione i rischi dovuti all’inquinamento.

Intanto a Roma torna il CONCERTO PER LA TERRA
Lunedì 22 aprile La Terrazza del Pincio di Roma ospiterà l’ormai tradizionale Concerto per la Terra di Earth Day Italia. Per la terza edizione consecutiva il concerto, gratuito per cittadini e turisti, avrà luogo su uno dei belvedere più suggestivi della Capitale. Carmen Consoli, Marina Rei, Paolo Benvegnù, Mirkoeilcane, Eva Pevarello si avvicenderanno sul palco a partire dalle 19, testimoniando col loro talento l’impegno del mondo della musica per la salvaguardia del Pianeta.

Carmen Consoli tornerà al Concerto per la Terra a distanza di otto anni dalla prima partecipazione del 2011. L’artista catanese si esibirà in un repertorio rock avvalendosi dell’accompagnamento di Massimo Roccaforte (chitarra), Luciana Luccini (basso) e Antonio Marra (batteria). Marina Rei e Paolo Benvegnù suoneranno insieme rivisitando i propri repertori, interpretando classici della canzone italiana e proponendo brani inediti del loro progetto “Canzoni contro la disattenzione”. Mirkoeilcane, premiato nel 2018 al Festival di Sanremo e al Premio Tenco per “Stiamo tutti bene”, farà tappa a Roma come intermezzo al lungo tour di concerti che celebra il suo secondo album: “Secondo me”. La voce graffiante di Eva Pevarello, apprezzata di recente grazie al brano “Al Confine tra me e me” cantato in duo con Ghemon, arricchirà ulteriormente la proposta musicale della serata.

#EarthDay #ConcertoperlaTerra