Capua, è l’amore il tema del XV Festival-Laboratorio Palascianiano di scienza, filosofia, poesia, gioco e umana armonia

Capua, è l'amore il tema del XV Festival-Laboratorio Palascianiano di scienza, filosofia, poesia, gioco e umana armonia
Palazzo Fazio
SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Si incentrerà sul tema dell’amore – diviso tra eros e àgape – l’ultima coppia di lezioni-spettacolo del XV festival-laboratorio palascianiano di scienza, filosofia, poesia, gioco e umana armonia «Omnia palco sacra. I “Quindici” di Marco Palasciano», dedicato ai quindici elementi chiave della formazione dell’homo universalis.

La puntata n. 14 – «I come Impulso erotico. Natura, aura virile, p*rn* ed estasi» – vedrà l’Accademia Palasciania in collaborazione con Capuanova e FaziOpenTheater, tenendosi a Palazzo Fazio (Capua, via Seminario 10).

lapagliara
LORETOBAN1
previous arrow
next arrow

L’appuntamento, a ingresso gratuito come sempre ma per stavolta vietato ai minori di quattordici anni, è per le ore 18.30 di domenica 7 aprile nella sala a pianterreno (mentre al piano superiore, alle ore 11.00, si inaugurerà a cura di Capuanova la terza mostra per la serie «Figure», una personale di Enzo Toscano).

Il titolo generale – in latino longobardo – del festival-laboratorio, «Omnia palco sacra», vuol dire «Tutte le cose sono sacre per il palcoscenico» (intendendo il barocco “theatrum mundi”) e suona simile, sia per forma sia per contenuto, all’«Omnia munda mundis» della pseudopaolina Lettera a Tito nella Vulgata, ossia «Tutto è puro per i puri».

In tale spirito, soffermandosi sul primo gradino della scala di Platone, questa “penienultima” puntata tratterà di piacere fine a sé stesso – emblema di soprana libertà, invisa a chi confonde male e caos – nella sua più intensa declinazione, e delle pratiche vòlte ad ottenerlo, in ispecie omoerotiche.

Il tutto non tanto nell’ottica del fruitore disincantato, interna a una morale noeticamente cieca che disgiunge carnale e teologale, quanto del poeta mistico (vedi a es. i sufi della Persia medievale) o, quantomeno, del filosofo metafisico non digiuno di scienza contemporanea; per il quale il concetto di natura, su cui si gioca la sistemazione del tema, sarà ben altro da quello dell’episteme antidarwiniana.

E se quest’ultima è ancor dura a morire nel XXI secolo, con quel che ne consegue in termini di barbarie erotofobica, non vi è da disperare tuttavia che – estinti gli ultimi focolai di antiumanesimo – il motto del XXII possa essere «Omnia vincit àmor».

Al termine della lezione sarà donato a chi più lo desìderi il volume dei «Quindici» di turno: «Cosa fanno gli uomini».

Ricordiamo che per partecipare non vi è necessità di aver seguìto le puntate precedenti, e che il programma completo di «Omnia palco sacra» è consultabile nel blog dell’Accademia.