Addio (o quasi) lavatrice, ecco mutande e calzini hi-tech che non vanno lavati

La sana abitudine di cambiare mutande e calzini una volta al giorno potrebbe presto diventare un lontano ricordo. Se pensate però che autobus e uffici saranno infestati dai cattivi odori provenienti dalle zone più nascoste del corpo siete fuori strada. Questa possibile rivoluzione è dovuta infatti all’idea dell’azienda danese Organic Basics che ha avviato una campagna di crowdfunding per trasformare in realtà l’idea della linea  Silvertech 2.0, una serie di capi (mutande, calzini e magliette intime) che non avranno bisogno di essere lavati né stirati, se non una tantum, e che faranno tuteleranno anche l’ambiente. La moda rappresenta uno dei settori più inquinanti al mondo (non solo nei metodi di produzione) e il fatto di lavare continuamente gli indumenti non favorisce certamente un consumo moderato di acqua.

L’intimo ideato da Organic Basics non emanerà cattivi odori grazie alla presenza del cloruro d’argento, un sale d’argento dal grande potere antibatterico usato anche dalla Nasa. Tramite questa tecnologia verranno eliminati oltre il 99% dei batteri e dei funghi presenti nel nostro sudore, e questo permetterà di cancellare di conseguenza anche i cattivi odori del sudore. Il tessuto resta quindi completamente sterilizzato ed il capo, essendo in nylon, traspirante e senza cuciture, non ha bisogno di essere stirato.

La campagna sul web sta andando a gonfie vele dato che già 400 utenti hanno finanziato il progetto per quasi 50mila dollari. Considerando che la somma da raggiungere era di 25mila e che mancano ancora tre settimane, possiamo essere quasi certi che la linea Silvertech 2.0 diventerà presto realtà.