Gli adempimenti e le responsabilità dell’amministratore per la prevenzione degli incendi negli edifici in condominio

Adempimenti e responsabilità dell’amministratore per la prevenzione degli incendi negli edifici in condominio
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Dagli articoli del codice civile dedicati alla materia condominiale emerge un reiterato richiamo al termine sicurezza degli edifici.

A ben vedere, una delle attribuzioni dell’amministratore di condominio è costituita dall’obbligo di cura nella tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente, tra l’altro, ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell’edificio.

Anche il D.M. 13.08.2014 n°140 all’art. 5 lett. b, nel regolamentare i criteri e le modalità per la formazione degli amministratori di condominio nonché i corsi di formazione e di aggiornamento per gli amministratori condominiali, impone tra i moduli didattici quelli attinenti alla sicurezza degli edifici, con particolare riguardo ai requisiti di staticità e di risparmio energetico, ai sistemi di riscaldamento e di condizionamento, agli impianti idrici, elettrici ed agli ascensori e montacarichi, alla verifica della manutenzione delle parti comuni degli edifici ed alla prevenzione incendi.

La sicurezza degli edifici in condominio, tuttavia, non è sempre adeguata alle norme di prevenzione incendi che sono in continua evoluzione.

Da un lato gli amministratori condominiali – quand’anche propositivi degli adeguamenti degli impianti di prevenzione incendi – sono spesso frenati dai proprietari di unità immobiliari insistenti in edifici sui quali ricade la relativa spesa senza considerare la tutela della sicurezza.

Bruno-Cristillo-Fotografo
Terrazza Leuciana
Bruno-Cristillo-Fotografo
previous arrow
next arrow

Dall’altro, tuttavia, l’inadempimento degli obblighi imposti dalla normativa vigente in tema di prevenzione incendi determina inesorabilmente una responsabilità civile e penale degli amministratori di condominio, che non di rado sono costretti a diffidare i proprietari e, peggio ancora, i detentori a diverso titolo di unità immobiliari insistenti negli edifici in condominio al relativo uso in assenza dei necessari adeguamenti.

Di recente, difatti, è stato adottato il cosiddetto “codice” di prevenzione incendi e l’introduzione delle nuove procedure hanno modificato sostanzialmente l’approccio alla sicurezza antincendio.

La Associazione Liberi Amministratori Condominiali, nell’interesse anche dei proprietari di unità immobiliari tutelati dalla Associazione Piccoli Proprietari Case, entrambe con sedi di Casagiove per la Provincia di Caserta, quindi, ha invitato il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Terra di Lavoro ing. Paolo Massimi – il quale non ha esitato ad accettare la proposta – per un intervento formativo con una relazione in un corso di aggiornamento, che si terrà giovedì 21 marzo p.v., finalizzato al miglioramento delle conoscenze sull’argomento della prevenzione incendi di coloro che assumono il mandato per la gestione di edifici.

ALAC ha invitato anche tutti gli ordini ed i collegi professionali della provincia di Caserta a patrocinare l’evento ed esortare alla partecipazione dei loro rispettivi iscritti che svolgono anche l’attività di amministrazione condominiale.

La partecipazione all’evento sarà assolutamente gratuita grazie alla partnership di aziende fornitrici di beni e servizi condominiali, che condividono il progetto formativo.