Al Palazzo Ducale di Sant’Arpino la mostra “Passeggiate” dell’artista Mauro Molinari dall’8 luglio

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

L’artista romano Mauro Molinari porta la propria mostra personale dal titolo “Passeggiate” nella prestigiosa pinacoteca “Massimo Stanzione“ all’interno dello splendido Palazzo Ducale Sanchez de Luna di Sant’Arpino (Ce).

L’inaugurazione si terrà sabato 8 luglio 2023 alle ore 18:30, la mostra sarà visitabile fino a venerdì 28 luglio 2023 dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. Il curatore della mostra è il direttore artistico della Pinacoteca Gianpaolo Coronas. La mostra si deve alla collaborazione tra l’Associazione Culturale Terra Madre, l’APS Pro Loco Sant’Arpino ed il Comune di Sant’Arpino.

Bruno-Cristillo-Fotografo
simplyweb2024-336
Bruno-Cristillo-Fotografo
previous arrow
next arrow

Il vernissage dell’8 luglio sarà arricchito dalla presentazione del libro di Stefania Guiotto dal titolo “I Racconti dell’uomo nuovo – l’anno della grande luce“ e dalla performance musicale di GiòSciò. L’ingresso è gratuito, è gradita la prenotazione al 347 860 7876.

Palazzo Sanchez de Luna fu costruito a cavallo tra il 1573 ed il 1592 dal tesoriere del regno di Napoli Alonzo Sanchez de Luna d’Aragona che divenne poi duca di Sant’Arpino. Nel 1798, in occasione del matrimonio del sesto duca di Sant’Arpino con Maria Giovanna d’Avalos, il palazzo venne abbellito e restaurato. Nella parte nobiliare dell’edificio rimangono ancora visibili tracce di dipinti sotto le volte, affreschi alle pareti e residui di carte istoriate poste sotto al solaio a copertura delle travi in legno. Insomma un vero gioiello del territorio Atellano.

In questo ameno luogo l’artista Mauro Molinari, proveniente da Velletri (Roma), esporrà 16 lavori di medie e grandi dimensioni. Le opere rigorose e ragionate, sono create in una dimensione unica: i contorni calcati e ben definiti delle figure rappresentate delineano quella che è una forte bidimensionalità. Le composizioni sono quasi astratte e illogiche, fin quando non si smette di osservarle con occhio ragionevole.