Musica e prosa al Piccolo Teatro Cts : giovedì 14 i Nantiscia e domenica 17 Eufemia Sparago e Paolo Nicolella

Nantiscia
I Nantiscia
GIORDANI
SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Giovedì 14 dicembre, alle ore 20:30 il palco del Piccolo Teatro Cts sarà a disposizione  del gruppo dei NANTISCIA, composto da Annalisa Messina (voce), Ferdinando Ghidelli (chitarre), Donato Tartaglione (basso), Almerigo Pota (tromba) e Giuseppe Vertaldi (tamburi).

I Nantiscia proveranno brani originali e di contaminazione, come per esempio: Tu bella,  Sta felicità, Lu Santo, Lu santo piscatore, e tante altre. A chiudere questa prova/concerto sarà Tammurriata Malarogna. Non mancherà, poi, l’omaggio a Fausto Mesolella con Na stella.

LORETOBAN1
LORETOBAN1
previous arrow
next arrow

Il filo che unisce i vari pezzi dei Nantiscia è rappresentato proprio dalla  musica di strada: Nantiscia è infatti l’anagramma della parola Sannitica, ovvero l’antico nome della strada che unisce molti dei componenti della band. Ma la strada è intesa anche come viaggio, storia, incontro di culture, emozioni e quindi di generi musicali diversi: etno-music, popolare, world-music-

Mentre per Domenica 17 dicembre alle ore 21:00, è previsto lo spettacolo comico dal titolo QUANDO LA COPPIA SCOPPIA, scritto diretto e interpretato da Eufemia Sparago e Paolo Nicolella: una classica coppia medio borghese italiana, con tutto il fardello di ansie, noia, crisi stabili e/o passeggere, che opprimono quasi tutte le coppie alla soglia della mezza età, una fase della vita in cui ci si sente vecchi, ma non troppo, giovani, ma neanche tanto, maturi, ma senza esagerare.

Perché la coppia non scoppi, ci si affida, così, a vari rimedi e soluzioni anche un po’ esagerate, dettate più da interessi (molto) personali che dalla volontà di raggiungere il bene della coppia stessa. E così il rapporto diventa sfida, competizione, rivalità, con annesse ripicche e vendette. Si salverà il matrimonio? In un certo senso si, ma…

Un atto unico semiserio, semidrammatico, semicomico, che regala allo spettatore buonumore, sorrisi, ma anche spunti di riflessione. In poco più di un’ora, il pubblico assisterà a continui capovolgimenti di fronte in cui la vittima diventerà carnefice e viceversa, in un ambiente grottesco, quasi surreale, condito da colpi di scena e humor inglese.

Il ritmo incalzante della commedia carpisce l’attenzione del pubblico fin dal primo minuto e contribuisce a rendere lo spettacolo brioso e gradevole.