Alessandro Nocera, quando la poesia si sposa con la musica

Alessandro Nocera, quando la poesia si sposa con la musica

Le canzoni in lingua napoletana non sono solo appannaggio dei cantanti dell’hinterland napoletano ma anche di quello casertano: uno di questi è Alessandro Nocera, classe ’93, di Marcianise. Il nostro giovane neomelodico sta preparando l’album Il senso dell’amore con la Gitano Record di Frignano: nel cd sono presenti già i seguenti brani, Già penso a nuje (2021), Nu vas sule (2021), Vien (2021 in lavorazione per la prossima uscita).

Egli, insieme al suo team (la fidanzata Antonia Santillo ed i suoi fratelli Nicola Santillo e presto Francesco Santillo), ha scelto per i suoi video musicali location dell’entroterra casertano quali Caserta Vecchia, Santa Maria Capua Vetere, Marcianise e San Tammaro, esaltandone le bellezze artistiche ed urbanistiche. Di seguito, il nostro interessante dialogo:

Che sensazioni provi quando canti?

In realtà cantare è una miscela di sensazioni. Quando racconti le tue emozioni attraverso la musica, è un qualcosa di magico. Ed è emozionante leggere in volto a chi ti ascolta, la mia stessa emozione di quando con la penna, scrivendo, vado a tracciare quelle linee che vogliono nient’altro, essere le strade di un sentimento che non ha voce.

I tuoi testi sono una narrazione poetica. Come nascono?

È una bella domanda! Ad un testo, per quanto mi riguarda, si decide di dargli forma a seconda dei propri gusti e a seconda del proprio stato d’animo. I miei testi vanno ad abbracciare di più la poesia perché ho sempre ritenuto la canzone più bella è quella che parla d’amore. Se pensiamo alla poesia, la prima cosa che la mente associa ad essa è proprio l’amore. Molte volte ci rispecchiamo nei testi di una canzone e quasi sempre le note che l’accompagnano ci accarezzano le corde dell’anima, regalandoci quel brivido che ci abbraccia d’improvviso e che si lascia raccontare solo dagli occhi. Non a caso, il mio primo album porta il titolo “Il senso dell’amore”. Essendo io una persona che crede molto nell’amore, ho deciso, con l’aiuto della mia dolce metà che tra l’altro mi supporto in tutto quotidianamente, di dar voce al mio credo attraverso la musica, abbracciando comunque tutto ciò che a sua volta esso stesso concerne, sia nel bene che nel male. Viva comunque e sempre la musica e soprattutto viva l’amore che vince su tutto!

Già penso a nuje

La poesia è un inno al matrimonio. Già da tempo si parla di crisi matrimoniali e molte coppie prediligono la convivenza al grande passo, con la conseguenza di una diminuzione della natalità infantile. Leggiamo allora questo epitalamio o canto nunziale, come lo chiamavano i lirici greci antichi:

Nisciuno maje ma fatte ‘nnammurà
Ce vulive tu n’dà vita mia po ffà
Me sento perso quanne n’tengo a ‘tté
Sento o bisogno fisso e te veré
5 Ce perdo o suonn a notte a immagginà
Quando tuo padre ti accompagnerà
Fore da chiesa, restannete affianco, sarrà l’emozione a nun o fa parlà
Mammà te guard e se fa annanz a l’uocchie quann a creature te m’parav a cammenà

Già penso a quanne vestut da sposa chiagnenno felice te vec e arrivà
10 Vestute e bianco raggiungi l’altare e pò cu Dio presente giurammo e ce amà
Quando int’ a chiesa te sposto stu vel, te guardo e sicuro, nun riesco a parlà
Tutti che gridano auguri agli sposi, me par e sunnà
Già penso a quand, pò, dopp’ a n’abbraccio, me piglje sti ‘mmane e le accosti piú a ‘tté
Cu l’uocchije lucide, spuoste a magliett e me dice “ben presto saremo già in tré”
15 Sarai un buon padre, sussurri piangendo, tu a chiú bella mamm ca o munne ce stà
A mamma e a mugliera chiú bell che o munne se n’cant a guardà

Ce pienz a quando a notte s’à scetà
Quand’ a matin ambress o guardo mentre dorme e dopp vengo a te vasà
Te scite chiane e rieste a m’abbraccià
20 Ce pienz a quando mamma ti dirà
Tu correrai felice a m’abbraccià
Quand’chiú gruosse farrà po o geluse sciglienno sule isso chi t’adda parlà
Nun veco ‘llor e te di: “amò to giuro” pe ‘ffà e stu suonno nuostre na realtà

Sunnavo a sempe cu ‘tté na famiglia, mo é merito tuoje si chiagnenno sto ‘ccà
25 A dirte che a mamma chiú bell dò ‘munne ma fatto papà.

A livello stilistico abbiamo un finale caudato (i due versi finali sono definiti coda, in quanto sono da considerarsi un’aggiunta alla poesia conclusa), l’apostrofe alla compagna che vuole avere accanto per tutta la vita, le allitterazioni, l’enjambement ed il climax narrativo del sogno che si dipana dinanzi al lettore.

Nella prima strofa, dopo i primi due versi tipici della poesia d’amore, c’è il desiderio del matrimonio (ce perd o suonn a notte a immagginà/quando tuo padre ti accompagnerà/fore da chiesa vv. 5-7); toccante è il riferimento alla madre emozionata della sposa (mammà te guard e se fa annanz a l’uocchie quenn a creature te n’parav a cammenà v. 8).

Nella seconda il riferimento ai vari simboli nunziali (il vestito da sposa v. 9, v. 10, v. 11; le lacrime v. 9; l’altare v. 10, il giuramento v. 10) e la benedizione divina (cu Dio presente). Sorprende emotivamente il lettore, invece, la scena della rivelazione di un futuro figlio, gioia di ogni novella sposa (vv. 13-15) e fiero sposo.

La terza strofa è incentrata sulla figura del bambino: il piccolino, che nel pieno della notte fa sentire la sua voce; i genitori che lo amano con lo sguardo mentre dorme; l’emozione quando pronuncerà mamma per la prima volta; la gelosia contro gli altri bambini se guardano la sua adorata mamma. Nella conclusione, il sogno è talmente reale e concreto che per Alessandro e la sua compagna Antonia sembra un dipinto che, pennellata dopo pennellata, stanno quasi finendo di dipingere insieme .