Alla Reggia di Caserta “La Dirindina” di Domenico Scarlatti

Caserta – Ancora grande musica sotto le stelle per Un’Estate da Re che prosegue all’Aperia della Reggia di Caserta. Dopo il consenso riscosso in occasione della Nona di Beethoven e de Il Campanello dello speziale di Donizetti, sarà La Dirindina ad intrattenere gli spettatori sabato 7 luglio alle ore 21 nei giardini inglesi della Reggia vanvitelliana.

Lo spettacolo si annuncia brioso e spumeggiante. Sul podio Maurizio Agostini, impegnato a dirigere il Quintetto d’archi del Teatro di San Carlo (composto da Cecilia Laca, Luigi Buonomo, Antonio Bossone, Luca Signorini, Ermanno Calzolari), e Livia Guarino al basso continuo. Riccardo Canessa firma la regia mentre i costumi sono di Concetta Nappi. La revisione critica e gli inserti musicali sono di Ivano Caiazza. Il cast vocale sfoggia Sonia Ciani nei panni della vispa Dirindina, Carlo Torriani in quelli di Don Carissimo e Enrico Iviglia nel ruolo di Liscione. La voce recitante è di Lara Sansone.

Scritta per la Stagione di Carnevale 1715 del Teatro Capranica di Roma, La Dirindina, piccolo gioiello musicale di Domenico Scarlatti, subì il taglio della censura a causa delle intemperanze del testo. Il librettista Girolamo Gigli, aveva scritto un testo che denunciava, attraverso un’avvincente linguaggio satirico, le cattive abitudini del teatro musicale e il falso moralismo impersonato in particolare dalla figura di Don Carissimo. La freschezza della partitura di Scarlatti corrisponde puntualmente alle occasioni comiche offerte dal libretto, esaltato sul piano drammaturgico dalla vivacità e leggerezza ritmica della musica scarlattiana.

Un’Estate da Re. La grande musica alla Reggia di Caserta e al Belvedere di San Leucio” è promossa dalla Regione Campania, organizzata dalla
Scabec Spa  in collaborazione con la Reggia di Caserta e il Comune di Caserta, sotto la direzione artistica di Antonio Marzullo, con la partecipazione artistica del Teatro di San Carlo di Napoli e il Teatro Verdi di Salerno.

Come raggiungere l’Aperia

Prima di ogni spettacolo è possibile effettuare una visita guidata al Giardino inglese e all’Aperia, prenotandosi al numero 800 600 601. L’Aperia si puo’ raggiungere dall’ingresso principale della Reggia dove è in funzione un servizio navetta a ciclo continuo che accompagna gli spettatori o dal cancello sito in prossimità della fontana di Diana ed Atteone a cui si accede da via Maria Cristina a San Leucio con possibilità di parcheggio (a pagamento) messo a disposizione dall’adiacente ristorante. Il programma e le informazioni sono sul sito www.unestatedare.it. I biglietti sono acquistabili su www.etes.it e sui relativi punti vendita

Biografia Maurizio Agostini

Direttore d’Orchestra

Nato a Firenze, si diploma in pianoforte al Conservatorio Cherubini e si perfeziona in direzione all’Accademia Chigiana di Siena. Ha lavorato al Teatro dell’Opera di Roma, Ravenna Festival, Festival dei due Mondi di Spoleto, Macerata Opera Festival, Teatro La Fenice, Fondazione Arturo Toscanini, al fianco di importanti direttori d’orchestra come Bartoletti, Campanella, Conlon, Ferro, Gelmetti, Mehta, Muti, Oren, Pappano, Renzetti, Santi. Nel 1997 debutta come direttore d’orchestra ne La serva padrona di Pergolesi. Seguono Rigoletto con Leo Nucci al Teatro Metastasio di Prato, Il Barbiere di Siviglia, L’elisir d’amore, Madama Butterfly, Gianni Schicchi e Il trovatore al Teatro Civico di Spezia. Dal 2001 ad oggi ha diretto l’Orchestra Toscanini di Parma, la Filarmonica del Friuli Venezia Giulia, l’Orchestra del Teatro di San Carlo. Nel 2011 è direttore musicale di palcoscenico presso il Salzburgerfestspiele nel Macbeth di Verdi (con Riccardo Muti alla guida dei Wiener Philharmoniker e la regia di Peter Stein). Dal 2008 è direttore musicale di palcoscenico presso il Teatro di San Carlo dove ha diretto La traviata, Tosca, I cantori di Brema, la prima assoluta di Viaggio in Italia e il balletto Peter Pan di Gaetano Panariello, Don Trastullo di Jommelli, La bohème, Cavalleria rusticana, Il Barbiere di Siviglia, Don Checco di De Giosa, L’elisir d’amore, Turandot, la prima esecuzione assoluta dello Stabat Mater di Roberto De Simone, un concerto lirico-sinfonico in occasione della visita a Napoli del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, Pierino e il lupo (Peppe Barra voce narrante) La vedova allegra, Fedora, Der Zwerg, Il Tabarro. Nel settembre 2017 inaugura la stagione dell’Opera di Dubai dirigendo Le nozze di Figaro.

Aperia della Reggia di Caserta
Sabato 7 luglio 2018, ore 21.00

Un’ estate da re 2018

La Dirindina

Musica di Domenico Scarlatti

Libretto di Gerolamo Gigli

 Revisione critica, drammaturgia, inserti musicali,

riduzione Canto e Piano a cura di Ivano Caiazza

 Direttore | Maurizio Agostini

Regia | Riccardo Canessa

Costumi | Concetta Nappi

 

Personaggi e Interpreti

DIRINDINA, Sonia Ciani

DON CARISSIMO, Carlo Torriani

LISCIONE, Enrico Iviglia

ASSUNTINA/DIRINDONA, Lara Sansone

Quintetto d’archi del Teatro di San Carlo

Violini | Cecilia Laca, Luigi Buonomo
Viola | Antonio Bossone

Violoncello | Luca Signorini
Contrabbasso | Ermanno Calzolari

 

Basso Continuo | Livia Guarino