Alla scoperta del nuovo menù estivo di Public House Burger Gourmet

Il panino “La Nerano a modo mio” di Public House Burger Gourmet.
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Caserta – Con l’arrivo dell’estate, aumenta la voglia di uscire la sera ed anche di assaggiare qualcosa di nuovo. Sì, ma andando sul sicuro. E se c’è una persona di cui mi fido per quel che riguarda gli abbinamenti gastronomici arditi, quella è Ornella Buzzone, food blogger e titolare di Public House Burger Gourmet.

Creatività, voglia di sperimentare e di progredire un passo alla volta, rispetto della stagionalità dei prodotti, sono elementi che accomunano Ornella agli chef ed ai pizzaioli di alto livello e sono anche i motivi che la spingono a rinnovare il menù del suo locale ad ogni stagione. Non a caso, Public House Burger Gourmet ha vinto il premio “Paninoteca dell’anno” nella Guida Campania Mangia e bevi 2024 edita da Il Mattino, un vanto per la città di Caserta.

glp-auto-336x280
lisandro

Per tutti questi motivi, quando ho saputo del lancio del nuovo menù estivo di Public House, ho voluto subito provare le ultime creazioni messe a punto da Ornella.

Le novità iniziano dagli antipasti con il Tris di frittatine di pasta: Frittatina mortadella e pistacchio, Frittatina alla Nerano, Frittatina cacio e pepe. Sì, tre fritture nello stesso piatto, non ordinabili singolarmente. Tutte le frittatine sono dorate, asciutte, con la panatura spessa e croccante e l’interno morbido ma giustamente compatto.

Passiamo, dunque, ai panini. Rimane giustamente inalterato il menù di 10 panini classici di Public House, tra i quali l’American Burger, che ho ordinato già decine di volte quando volevo regalarmi una coccola nel fine settimana. Il rinnovato menù estivo, invece, comprende 8 panini di cui 5 proposti già lo scorso anno e 3 inediti.

Il primo dei nuovi burger del menù estivo di Public House è il Nonno Pasquale: “Quando ero piccola, mio nonno insisteva sempre per farci fare una colazione genuina con pane, fichi e prosciutto – racconta Ornella – così ho creato un panino dell’estate abbinando a questi ingredienti un gorgonzola, del miele di acacia, delle nocciole di Giffoni, una maionese al basilico, del crudo di Parma e rucola fresca”.

Gli altri due inediti, che ho degustato in questa occasione, sono il “Fresco” (Hamburger 200gr di Marchigiana, Prosciutto crudo di Parma, Rucola fresca, Pomodorini semi-dry, Stracciata di Bufala, gocce di Balsamico, Pesto di Pistacchio) e “La Nerano a modo mio” (hamburger 200 gr Chianina I.G.P., chips di zucchine alla Nerano, fonduta di formaggio Parmigiano, marmellata di limone, maionese al basilico homemade, mandorle a lamelle).

Ornella mi chiede di scegliere se assaggiare “La Nerano a modo mio” oppure il “Fresco”, temendo che io non riesca a mangiare due panini interi oltre alle frittatine di pasta e alle patate fritte. La scelta è ardua: il Nerano mi incuriosisce di più, d’altro canto il Fresco mi sembra più confacente ai miei gusti personali. Sono lunghi attimi di struggente dubbio. Alla fine, decido di ordinare “La Nerano a modo mio”, sono qui apposta per sperimentare.

Quando mi viene servito il panino, rimango appagato già alla vista dallo spesso strato di zucchine fritte. Al morso la fonduta di Parmigiano, la marmellata di limone e la maionese al basilico si fondono in un insieme cremoso e dal sapore avvolgente ma fresco che mi stupisce. Ornella ha compiuto un altro capolavoro!

Quasi imbarazzato, chiedo di provare anche il Fresco, il mio stomaco e la mia curiosità non sono ancora sazi. All’assaggio, questo secondo panino rivela sapori più facili da apprezzare, anche per un pubblico più vasto. Non raggiunge le vette di originalità dell’hamburger precedente, ma il Fresco tiene fede al nome con i suoi sentori francamente estivi e risulta gustoso ed equilibrato.

Divorato anche il secondo panino, ho le mani unte e l’espressione soddisfatta, la ragazza che lavora in sala capisce al volo la situazione e mi porge altre due salviette imbevute senza che sia io a chiederle. Grazie!

Tutti i panini del menù di Public House nascono da un’ispirazione, come mi racconta la stessa Ornella: “Mi sono ispirata agli spaghetti alla Nerano che amo mangiare in estate nel Ristorante Maria Grazia a Nerano, mentre per il Fresco l’ispirazione mi è venuta dalla pizza con prosciutto crudo, rucola e pomodorini che mangiavo da piccola nella mia pizzeria preferita di Caserta”.

“Per quanto riguarda la carne, la compro da Cillo ormai da 7 anni e la prendo sempre al naturale, cioè non condita – spiega ancora Ornella Buzzone – Il pane lo prendo da Rescigno a Napoli. Sia la carne che il pane mi arrivano freschi ogni giorno.

Uso un barbecue americano con le pietre sotto la griglia, questa tecnica di cottura mantiene perfettamente la media cottura dell’hamburger che rimane cotto fuori e rosso al centro, e consente di mantenere tutti i succhi”.

L’ottima lievitazione del pane, la tecnica di cottura della carne e l’alta qualità degli ingredienti rendono i panini di Ornella così buoni e leggeri da poterne mangiare due. Almeno, se siete golosi quanto me.

Non è ancora finita, manca il dessert. Tutti i dolci serviti da Public House sono di produzione propria, curati personalmente da Ornella Buzzone. Adoro il tiramisù e la cheese cake ma stavolta la padrona di casa ci tiene a farmi assaggiare la sua crostata con noci pecan, confettura di albicocche e marmellata di arance. Una crostata con una marcia in più.

Ornella è riuscita a stupirmi anche stavolta. Prima di salutarmi, la padrona di casa mi accenna che nel corso dell’estate, sempre in base alla stagionalità dei prodotti, altre ricette entreranno ed usciranno dal menù di Public House Burger Gourmet. Tornerò, ho altri panini da assaggiare.