Il Pentathlon della Vita allo Stadio Pinto, con gare, emozioni e premi per tutte le età

Angela Fasulo

Caserta – Il 18 luglio allo Stadio Pinto di Caserta il sole era ancora alto quando alle ore 16 è iniziato questo speciale Penthatlon della Vita. Una gara creata al di fuori da ogni codice prestabilito della storia sportiva da Nunzio Antonucci, un uomo seguito da atleti di tutte le età che dello Sport ha fatto una missione e che dopo tantissimi record personali ora scende in campo anche come allenatore. Infatti si sono avvicendati  in pista esordienti dai 6 anni agli 11 anni, ragazzi/e 12-13 anni, cadetti/e 14-15 anni, allievi/e 16-17 anni,  juniores 18-19 anni,  promesse 20-22 anni seniores 23- 34 anni,  master 35-39/40-44/45-49/50-54/55-59/60-64/65-69/70-74/75-79/80-84/85 in su.

Le gare si sono così svolte:

ore 16:00 – 60 metri;
ore 16.30 – 50 e 60 ostacoli;
ore 17:00 – salto in lungo;
ore 17.30 – lancio del peso;
ore 18:00 – 400 metri;
ore 18.30 premiazioni.

Con punteggi specifici per ogni disciplina in base al valore della categoria di età.

Le gare svolte sono state 60 metri / 50 ostacoli esordienti e 60 ostacoli per tutti le  altre categorie, salto in lungo, getto del peso da fermo con 1 kg in meno rispetto alla propria categoria. Gli atleti oltre i 75 kg lanciano con 8 kg/400 metri

Ogni risultato aveva un corrispondente punteggio in base alle tabelle della federazione di atletica leggera Fidal. Vinceva chi totalizzava il maggior punteggio.

A questo Pentathlon per le categorie dai cadetti e cadette 14-15 anni sino ai master 85 anni erano previste le 2 discipline del triathlon: 50 metri di nuoto / 1 km di salita al 5% di ciclismo da San Leucio a Vaccheria.

Il vincitore del Triathlon è stato colui che ha raggiunto il punteggio maggiore in 400 m di corsa.

Parterre di partecipanti al 1° Pentathlon Perfect man and woman:
Luca, Jacopo, Greta, Lucia, Valerio, Mario esordienti della Power Casagiove; Davide ed Alfredo esordienti dell’ Atletica Marcianise; Roman, Armando Celentano, Massimo Gaudio, Nunzio Antonucci, Rosaria Petriccione senior master della Power Casagiove. Partecipazione straordinaria ad ingaggio della campionessa, recordwoman con 4100 punti,  regionale 2015 dell’ eptathlon, Angela Fasulo, premio di ingaggio euro 50. Partecipazione della futura magistrato Giovanna Sibillo, con la partecipazione dei genitori Lello Fausta, Enrico  Adriana, Gaetano, Florianna Sebastiano, Antonello, Patrizia che hanno accompagnato i figli in alcune specialità, instaurando un connubio felice tra generazioni diverse.

Premiazioni finali dall’ ultimo al primo con medaglie con la scritta: “Pentathlon della vita”. Insomma una vera e sana giornata di atletica.