Alta velocità Napoli Bari, c’è speranza per la stazione di Caserta di rientrare nella tratta

Legambiente presenta Pendolaria: in Campania Treni rock ma trasporto lento
Immagine di repertorio
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

«Caserta non può essere estromessa dalla linea dell’alta velocità/alta capacità Napoli Bari: ne è convinto anche il presidente Vincenzo De Luca che, nel rispondere alla mia interrogazione, attraverso l’assessore Antonio Marchiello ha ribadito la volontà della Regione Campania di esercitare la sua funzione di indirizzo sulla vicenda in quanto non direttamente competente sulla materia“.

Così il consigliere regionale Vincenzo Santangelo, nel rispondere all’interrogazione discussa al question time di martedì sulla necessità di inserire la stazione di Caserta nel tracciato della Napoli Bari.

glp-auto-336x280
lisandro

“La stazione di Caserta è strategica sul piano dello sviluppo economico della Regione Campania ed è fondamentale sul piano sociale per i tanti pendolari che, quotidianamente, si spostano verso Roma proprio partendo dalla città capoluogo di provincia”, ribadisce il consigliere che sulla questione appare fiducioso.

L’assessore Marchiello, che, tra l’altro ha seguito la vicenda anche da dirigente nel recente passato, ha sottolineato come sia ferma intenzione della giunta richiamare la funzione del tavolo tecnico istituito nel 2016 per fare in modo che nel tracciato dell’alta capacità non si penalizzi il nostro territorio, ma che anzi, se ne valorizzino le potenzialità, nell’ambito della realizzazione di un’infrastruttura fondamentale per la Campania.