Anche San Nicola la Strada e Marcianise non aprono, si torna a scuola dalla fine di novembre

Scuole coronavirus

Marcianise riaprirà il 29 novembre, mentre San Nicola prolunga sino al 9 dicembre

L’ordinanza regionale di ieri, lunedì 24 novembre decreta, come si sa, il ritorno a scuola in presenza a partire da mercoledì 25 novembre 2020 per i servizi educativi e la scuola dell’infanzia, nonché per la prima classe delle scuole primarie, ma demanda ai Sindaci di disporre la non apertura delle scuole in presenza in relazione alle verifiche epidemiologiche nel proprio Comune.

Demanda altresì ai dirigenti scolastici la verifica delle condizioni relative al personale in servizio per l’esercizio in sicurezza della didattica in presenza. Continua infatti lo screening su base volontaria per il resto della popolazione scolastica (dalla seconda classe della primaria alla prima media).
E letta l’ordinanza di conseguenza si sono regolati i primi cittadini, con Caserta anche San Nicola la Strada e Marcianise, giusto per ricordare i comuni limitrofi, hanno scelto di rimandare il ritorno a scuola.

L’Unità di Crisi Regionale – cita la pagina social del sindaco di San Nicola, Vito Marotta –  ha comunicato che i Dirigenti Scolastici possono scegliere di mantenere la modalità della didattica a distanza e che i Sindaci possono valutare un prolungamento della chiusura attuale in relazione al contesto epidemiologico locale.

I nostri Dirigenti Scolastici mi hanno in mattinata formalmente segnalato la positività al COVID 19 di alcuni, tra il personale docente, collaboratori scolastici, nonché casi di quarantena per contatti stretti. Alla luce di ciò, ho appena sottoscritto l’ordinanza di chiusura dell’attività in presenza della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado fino all’otto dicembre. SI TORNA A SCUOLA IL 9 DICEMBRE”.

La città di Marcianise invece per ora accorcia le distanze e decide per la riapertura il 29 novembre. Così L’ordinanza sul sito del Comune:

Nel territorio comunale ricade purtroppo una documentata ascesa del contagio da Sars 2
covid 19 per cui, in base al principio di precauzione, è necessario adottare ogni misura
necessaria al contrasto ed al contenimento della diffusione del virus coMD-19 nel
territorio comunale;

– appare, altresi, opportuno consentire al personale docente e non docente, agli alunni e ai
loro genitori, nonché ai loro familiari conviventi di effettuare su base volontaria, i tamponi
antigenici cosi come previsto e favorito dalla predetta ordinanza regionale a far data dal
24.11.2020. 

Presa visione dei dei pareri, acquisiti per le vie brevi e con l’urgenza del caso, dei responsabili degli istituti comprensivi cittadini, collegati da remoto (D.S. Aldo Improta, istituto Cavour,’; D.S. Michelina Ambrosio, Istituto “Bosco“; D.S. Lorenzo De Simone, istituto A. Moro“; prof.ssa Maria Grazia Fuccia, vicaria istituto “Calcara“);

– delle forti perplessità dei signori Dirigenti circa la mancata tracciabilità di soggetti positivi
ovvero di quelli in quarantena comunque afferenti agli istituti di competenza;
– dell’auspicio dei signori Dirigenti di procrastinare la riattivazione della didattica in
presenza
– dell’impossibilita di acquisire anche in via di urgenza i pareri dei Responsabili delle scuole
private interessate;
– che non tutti gli istituti interessati hanno completato, ad oggi, le operazioni di sostituzione
di banchi e sedie fomiti dal Ministero per l’adeguamento alle norme anti Covid 19;

SI ORDINA
la sospensione dell’attività didattica in presenza relativemente alle scuole dell’infanzia e alle
prime classi delle scuole elementari del territorio comunale, sia pubbliche che private, fino
alla data del 29.11.20202″.