Ancora atti vandalici notturni in Villa Giaquinto, la reazione del Comitato

Caserta – Sono durate appena tre giorni le amache montate dai membri del Comitato per Villa Giaquinto nell’omonimo spazio pubblico, area che come è noto dopo un lungo periodo di assoluto degrado assoluto è stata un paio di anni fa recuperata, valorizzata e restituita alla popolazione da un gruppo di attivissimi cittadini.

I membri del comitato sabato scorso, durante le operazioni di pulizia della villetta, avevano montato alcune amache per consentire ai frequentatori dello spazio pubblico di via Galilei di rilassarsi per qualche minuto al sole di primavera. Un’idea ottima, che è stata però osteggiata da un gruppo di ignoti vandali, i quali nella notte tra lunedì 30 aprile e martedì primo maggio (lo spazio pubblico viene aperto alle 10.00 e chiuso alle 20.00 dai cittadini, mentre di notte resta incustodito) hanno deliberatamente incendiato le stesse amache.

Ad accorgersene la mattina del primo maggio sono stati gli stessi volontari che gestiscono Villa Giaquinto. Dopo l’episodio tramite Facebook hanno lanciato un appello al Comune di Caserta: “Da mesi segnaliamo che la notte la Villa diventa terra di nessuno” hanno scritto . “Chiediamo ad horas che venga chiuso l’ingresso da via San Carlo in orari notturni. Non ci fermeremo e continueremo a praticare un altro modello di società”.

Il problema è emerso alcuni mesi fa, in concomitanza con i lavori e l’apertura del nuovo parcheggio di via San Carlo. Fino all’inaugurazione di quest’area infatti nella villetta non si erano verificati problemi perché il cancello d’accesso restava puntualmente chiuso durante la notte, impedendo l’ingresso. Ora, invece, grazie alla contiguità tra il parcheggio e lo spazio verde molti malintenzionati riescono ad entrare da via San Carlo di notte nella villa, trasformandola in un luogo nel quale dare sfogo alla propria inciviltà rendendo vano il lavoro di altre persone.