Anna Pepe, la rapper di La Spezia che sta scalando le classifiche di Spotify

Anna Pepe

Sono passate poche settimane dalla pubblicazione del suo singolo “Bando”, ma Anna Pepe, in arte “Anna”, sedicenne di La Spezia, ha già raggiunto la prima posizione in classifica su Spotify: un record,  poiché è diventata la più giovane artista a piazzarsi al numero uno della piattaforma streaming.

In classifica ha superato tutti i brani più ascoltati di Sanremo e Ghali, le cui due canzoni del suo ultimo album sono al secondo e al terzo posto. Nella classifica mondiale di Spotify viral è addirittura al quinto posto.

Ma chi è Anna Pepe?

Anna Pepe è una semplice sedicenne di La Spezia, al secondo anno di grafica pubblicitaria, grande fan della rapper statunitense Nicki Minaj. Il padre è un grande appassionato di musica, faceva il dj in serate hip hop e colleziona dischi. Ciò l’ha notevolmente influenzata durante l’infanzia.

Sin da quando era bambina, si è sempre divertita pubblicando video di cover su Instagram e Tik Tok, tanto da arrivare a collaborare con il rapper Anis, lanciando i singoli “Holidays” e “24/7” e l’anno dopo il singolo “Baby”.

“Bando” debuttò a dicembre, ma per problemi di diritti, dato che Anna aveva utilizzato un beat preso da Youtube, venne bloccata da Spotify, restando però sulle altre piattaforme digitali. Successivamente, a gennaio, venne notata da Albertino, che la invitò negli studi di Radio m2O. Alla fine del mese arrivò il contratto con la Virgin Records. Di conseguenza, venne pubblicata la versione ufficiale del video il 31 gennaio, totalizzando, ad oggi, circa 4 milioni di ascolti totali.

Bando

“Bando”, che si pronuncia “bendo” , significa “quartiere” in slang americano. Il ritornello è allitterativo, mentre le rime sono un’esercizio di stile su una base house: immagini di vita di quartiere tra linguaggio social, buste (forse degli spacciatori) e Booster (lo scooter anni 90). Racconta Anna: “Alle medie ero una debole, mi prendevano in giro per l’aspetto fisico. Uno che mi bullizzava è ancora in classe con me, ma ora so come rispondergli”.

Proprio una parte della canzone recita:

“Mi ricordo quando sfottevi,
Quel che faccio mo saluti, non son nata ieri
Resto solo con amici, però quelli veri
Conosci prima di parlare, niente te la credi.”

Inoltre, ha delle opinioni ben precise sui propri coetanei: ”Quelli della mia generazione sono cresciuti con la paura di essere giudicati. Facciamo le cose per piacere agli altri. Abbiamo perso il senso della conversazione dal vivo per colpa dei social. Non mi chiamo fuori, anche io nuoto dentro a questo mare”.

Che sia solo un tormentone social oppure no, Anna può ambire a percorrere la stessa strada di giovani promesse rap del momento, come ad esempio Madame, classe 2002, Tha Supreme, 2001, e Shiva, 1999.

Sabato aveva poco più di 77mila followers su Instagram  e ad oggi sono circa 116mila. Un aumento medio di 10mila seguaci al giorno.