Area di Crisi dei comuni dell’Alto Casertano, presentato in Consiglio Regionale maxi emendamento

Dal 1° Gennaio 2020 nuova parità di trattamento per aree escluse dal mondo degli incentivi

Si chiude positivamente ed in maniera definitiva la problematica relativa all’AREA DI CRISI dei Comuni facenti parte dell’Alto Casertano e non.

Ricordiamo le richieste fatte da Ivan Marandola,  Presidente di CONFIMPRESEITALIA Caserta e Consigliere Comunale di Rocca d’Evandro, alla Regione Campania:

L’esclusione di ampie zone dell’alto casertano,  che non rientravano nel mondo delle incentivazioni statali, essendo tali zone appartenenti ad aree bianche o neutre,  era stata trattata e definita nel Convegno intitolato AREA DI CRISI, partire dal passato per costruire il nostro futuro, già il 25 Maggio 2018 presso il Centro Storico di Rocca d’Evandro.

In quell’occasione , presenti il Dott. On. Oliviero Gennaro , Presidente della VII Commissione Regionale Ambiente , Energia e Protezione Civile, ed  Prof. On. Amedeo Lepore Assessore Attività produttive della Regione Campania, si riuscì a portare in discussione la Delibera di Giunta Regionale n. 110 del 27/02/2018  riguardante l’approvazione dello schema di protocollo d’intesa fra il Ministero per lo Sviluppo Economico e la Regione Campania per la Riconversione e la Reindustrializzazione delle Aree di Crisi Industriale Complessa.

Il 23 Dicembre con il MAXI EMENDAMENTO presentato in Consiglio Regionale – commenta Marandola –  interamente sostitutivo del disegno di legge reg. gen. n 752 e la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania,  la legge entra in vigore il 1° Gennaio 2020 e porta finalmente equilibrio e parità di trattamento per aree escluse dal mondo degli incentivi.

Infatti come riporta il maxi emendamento, ’La Regione Campania, per favorire l’esercizio di attività economiche imprenditoriali già operative ovvero di quelle che intendono insediarsi in aree diverse dalle ZES e dalle Aree di Crisi  Industriale Complessa , istituisce i distretti economici e funzionali che possono beneficiare , nel rispetto della normativa vigente, di speciali condizioni in relazione alla natura incrementale degli investimenti e delle attività di sviluppo  di impresa.

Il lavoro di coesione, sincero e di sacrificio prima o poi porta i propri frutti (LABOR OMNIA VINCIT)”.