Arrestati tre incensurati ritenuti colpevoli di aver accoltellato un sedicenne fuori scuola a Marcianise

glp-auto-700x150
sancarlo
previous arrow
next arrow

Sono stati arrestati oggi, venerdì 17 maggio, i tre giovani che nello scorso mese di novembre anno accoltellato un sedicenne a Marcianise appena fuori scuola, per motivi passionali. L’arresto di oggi è stato reso noto dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

I Carabinieri del NOR – Sezione Operativa della Compagnia di Marcianise, coadiuvati dalla Sezione Operativa della Compagnia di Seregno (MB), hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di tre incensurati, ritenuti responsabili di tentato omicidio, lesioni personali e porto di armi od oggetti atti ad offendere, aggravati dalla premeditazione, dai futili motivi, dal numero dei partecipanti e dall’aver determinato a consumare i reati un minore degli anni 18. Gli accusati sono stati tradotti presso le Case Circondariali di Santa Maria Capua Vetere e Monza.

lisandro
lapagliara
SanCarlo50
previous arrow
next arrow

I gravi reati contestati sono stati consumati a Marcianise, durante il primo pomeriggio del 22 novembre 2023, nei pressi dell’Istituto scolastico superiore G.B. Novelli. Agli indagati, insieme ad altri due colpevoli già destinatari nell‘immediatezza dei fatti di una misura precautelare, si contesta di aver organizzato e consumato una spedizione punitiva di gruppo ai danni di un ragazzo di 16 anni, per futili motivi legati a un movente passionale. La vittima veniva colpita con più fendenti, di cui uno alla scapola sinistra, a seguito del quale riceveva una prognosi superiore ai 30 giorni.

Il provvedimento è scaturito, nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, da una complessa attività investigativa incentrata su articolate attività tecniche e riscontri tradizionali che hanno consentito di accertare indubbi e gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati, secondo il comunicato stampa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Caserta.

Tuttavia, precisano dalla Procura della Repubblica, che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari, che gli odierni indagati sono da ritenersi innocenti lino a sentenza definitiva e che la misura cautelare è stata adottata senza il contraddittorio che avverrà innanzi al Giudice terzo che potrà anche valutare l’assenza di ogni forma di responsabilità in capo agli indagati.