Asl Caserta presenta il corso di formazione “Piani di eradicazione della brucellosi in Provincia di Caserta”

HONDALIVETOUR
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

L’Asl Caserta ha organizzato un corso di formazione dal titolo “Piani di eradicazione della brucellosi in Provincia di Caserta“. L’obiettivo del corso è la formazione del personale ASL Caserta sugli aspetti di gestione del patogeno per le infezioni dell’uomo e degli animali e della patologia in produzione primaria e post primaria.

Il corso è articolato in 2 edizioni e vede circa 300 partecipanti iscritti tra Medici Veterinari, Medici e Tecnici della prevenzione; ogni edizione è articolata in 6 giornate con oltre 20 relatori tra Professori Ordinari, Associati, personale della dirigenza Medica e Veterinaria a vario livello appartenenti ad enti a rilevanza nazionale.

glp-auto-336x280
lisandro

In un’ottica One Health i temi trattati saranno trasversali tra cui microbiologia del patogeno; patologia nell’uomo e nell’animale e relative diagnosi; immunità e vaccini; effetti dell’ambiente sulla diffusione del patogeno; normativa regionale e nazionale; biosicurezza e comportamento dell’autorità competente.

Responsabile Scientifico del Corso è il dott. Alfonso Giannoni, Coordinatore il Dott. Giorgio Smaldone. Interverranno quali relatori i Dott.ri G. Iovane, A. D’Argenzio, E. De Carlo, M. Esposito, C. Ferrara, A. Guarnieri, C. Mascolo R. Greco, M. Tittarelli, M. Ottaiano, F. De Massis, D. Vecchio, G. Campanile, De Micco, M. Gizzarelli, J. Guccione, G. Ricciardelli, S. Mascolo, O. Paciello, A. Verde L. Buonomo, M. V. Chiara.

La brucellosi è una zoonosi causata da batteri appartenenti al genere Brucella. È presente in tutto il mondo, ma particolarmente nei Paesi del Mediterraneo, in India, nei Paesi mediorientali, nell’Asia centrale e in America Latina. La brucellosi colpisce diversi tipi di animali, fra cui bovini, ovi-caprini, canidi, ruminanti salvatici. I responsabili delle infezioni sono sei specie di batteri gram negativi appartenenti al genere Brucella: B. melitensis, B. abortus, B. suis, B. canis, B. ovis, B. neotomae. I primi quattro sono in grado di contagiare anche l’uomo. La malattia rappresenta un importante problema di sanità pubblica per le infezioni umane ed è causa di gravi danni economici causati da aborti, danni alla sfera genitale e calo di produttività, particolarmente nelle aree agricolo-pastorali per le infezioni negli animali da allevamento.