Attrattività dei borghi storici, 8,5 milioni di euro di fondi PNRR per le imprese di 6 comuni di Terra di Lavoro

Un suggestivo scorcio del lago di Falciano del Massico
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Interessate le aziende che insistono nei comuni di Falciano del Massico, Ruviano, Gioia Sannitica, Castello del Matese, Letino e Conca Della Campania

Il Ministero della Cultura, tramite Invitalia, ha messo a bando € 8.428.516,00 destinate a operatori economici ed Enti del Terzo Settore che presentano iniziative imprenditoriali in forma singola o in aggregazione, da realizzare in 18 e comunque entro e non oltre il 31 dicembre 2025.

Le piccole e medie imprese, le attività artigianali e commerciali, le ditte individuali, le cooperative e gli Enti del Terzo Settore operanti nei comuni di Falciano del Massico, Ruviano, Gioia Sannitica, Castello del Matese, Letino e Conca della Campania potranno
beneficiare di quasi 8 milioni e mezzo di euro di fondi PNRR destinati alla rigenerazione culturale, sociale ed economica dei borghi a rischio abbandono o abbandonati.

glp-auto-336x280
lisandro

Lo comunica il presidente della VII Commissione permanente Ambiente, Energia e Protezione Civile del Consiglio Regionale della Campania, Giovanni Zannini, all’indomani della pubblicazione dell’avviso diramato dal Ministero della Cultura per la erogazione, attraverso Invitalia, dei finanziamenti PNRR. Missione 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Component 3 – Cultura 4.0 (M1C3) e Misura 2 “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale” – Investimento 2.1: “Attrattività
dei borghi storici”, tesi al consolidamento di iniziative imprenditoriali nei territori dei comuni delle regioni italiane assegnatari delle risorse.

In provincia di Caserta i Comuni che sono risultati beneficiari sono i seguenti:
“I fondi sono destinati a progetti imprenditoriali da localizzare nei comuni di Falciano del Massico, Ruviano, Gioia Sannitica, Castello del Matese, Letino e Conca della Campania, e volti a rilanciare le economie locali valorizzando i prodotti, i saperi e le tecniche del territorio, coerenti e sinergici con la progettazione presentata dal Comune destinatario del finanziamento, ma anche a rispondere a bisogni effettivi dei cittadini del posto generando benessere nelle comunità locali.

Le iniziative imprenditoriali dovranno prevedere progetti attenti alla riduzione delle emissioni inquinanti, alla riduzione dei consumi, allo smaltimento dei rifiuti, alle soluzioni di economia circolare”, spiega Giovanni Zannini, consigliere regionale.

Le agevolazioni sono rivolte a micro, piccole e medie imprese che presentano iniziative imprenditoriali in forma singola o in aggregazione, già costituite o che intendono costituirsi in forma societaria di capitali o di persone, ivi incluse le ditte individuali e le società
cooperative, le associazioni non riconosciute, le organizzazioni dotate di personalità giuridica non profit, nonché gli Enti del Terzo settore, iscritti o in corso di iscrizione al RUNTS – Registro Nazionale Terzo Settore.

Sono finanziabili progetti fino a 150.000 euro, considerando sia le spese di investimento che il capitale circolante. Sono previsti contributi a fondo perduto, nel rispetto del Regolamento del minimis, per un importo massimo pari a 75.000 euro, fino alla misura massima del 90% delle spese ammissibili. Tale percentuale è elevabile al 100% nel caso di nuove imprese da costituirsi a seguito del provvedimento di concessione del contributo, o di imprese già costituite a prevalente titolarità giovanili e/o femminili.

Le imprese devono finanziarie con risorse proprie la quota non coperta dalle agevolazioni. Le domande possono essere presentate online sul sito del soggetto gestore www.invitalia.it dalle ore 12:00 dell’8 giugno alle ore 18:00 dell’11 settembre 2023.