Azienda Ospedaliera, il Consiglio di Stato conferma l’istanza cautelare per la stabilizzazione del personale precario

Nessuno ci avrebbe scommesso nulla – è scritto nella nota Cisl – e infatti nessun altro sindacato ha avuto il coraggio di impugnare l’esclusione dei somministrati dalla manifestazione d’interesse, per la stabilizzazione del personale precario in Azienda Ospedaliera.

Nonostante tutti gli scettici, la CISL invece continua a crederci e a lottare per la stabilizzazione del personale somministrato. I nostri precari meritano un enorme riconoscimento per il proprio lavoro, per le competenze messe in campo e per il senso di  responsabilità che hanno sempre mostrato restando in prima linea nella lotta contro il Covid, nonostante tutto e tutti, senza alcun riconoscimento né economico è ne giuridico”.

La CISL congiuntamente alla FELSA e alla FP esultano per la conferma del Consiglio di Stato che convalida l’istanza cautelare del personale somministrato, infermieri ed Oss dell’Azienda Ospedaliera di Caserta. I Segretari Cisl Giovanni, Letizia, Nicola Cristiani, Angelo Iodice Magliacano e Franco Della Rocca, chiedono ora al Direttore Generale Gaetano Gubitosa di prendere atto dell’Ordinanza dal Consiglio di Stato e agire di conseguenza quanto prima.

Adesso anche altri dipendenti, esclusi dal precedente ricorso hanno affidato all’avvocato dell’ufficio legale della Cisl Caserta, Giuseppe Cundari un nuovo intervento sulla base dell’ordinanza ottenuta, ricevendo conferma della possibilità di essere reintegrati all’interno del processo di stabilizzazione. L’avvocato Cundari infatti ha sempre sostenuto la tesi secondo cui anche il personale somministrato deve essere riconosciuto come personale precario ed ha diritto a beneficiare della stabilizzazione.

Questo il testo dell’Ordinanza che dichiara esplicitamente di “accogliere l’istanza degli APPELLANTI”:

Il Consiglio di Stato, con Ordinanza cautelare n. 6335 di stamattina, ha confermato il Decreto Cautelare del 6/10 n. 5906, ed ha accolto l’appello proposto dagli OSS ed Infermieri somministrati in servizio presso l’Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta e, per l’effetto, ha ordinato alla stessa Azienda ospedaliera di ammettere gli appellanti alla procedura di stabilizzazione di cui all’avviso di indagine conoscitiva del 12/03/2020.

Lo stesso Consiglio di Stato, poi, ha ordinato la trasmissione dell’Ordinanza cautelare in questione al TAR, affinché, visto l’art. 55 – comma 10 – del codice del processo amministrativo, fissi quanto prima l’udienza di merito”

.