Aziende del territorio si schierano per dire no alla violenza sulle donne

Aziende del territorio si schierano per dire no alla violenza sulle donne

Pochi giorni hanno separato la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne e il caso della giornalista sportiva palpeggiata da un tifoso in diretta tv. Ed è stata subito polemica,nonostante le statistiche confermino che in Italia, soprattutto nel mondo del lavoro, le discriminazioni tra uomini e donne esistono ancora.

Ma che succede in quel mondo, quello dei call center, in cui il 70% degli occupati è donna nonostante una presenza di maschi tra gli operatori telefonici in costante aumento?

Succede che l’equilibrio tra maschi e femmine èpossibile se c’è chi valorizza le innegabili differenzericonoscendole comeenorme valore aggiunto: come la MSW Group (MicrositeSmartcallWifor) società leader nel mondo dei call center e punto di riferimento per clienti come WindTre, Fastweb, Vodafone, e altri colossi del mercato nazionale ed estero.

Ed è per questo che la MSW Group è stata invitata al tavolo dei relatori della prestigiosa manifestazione che il 25 novembre scorso ha celebrato la Giornata contro la violenza sulle donne nelle sale della “Due Torri Event” di Presenzano (CE).

Una kermesse di alto prestigio patrocinata daben cinque Comuni e che ha meritato l’adesione di aziende leader in Italia per la raccolta fondi a favore dell’Associazione “Il Tronco di Iesse” che ha realizzato la “Casa Norma” destinata a madri gestanti e bambini in difficoltà.

Ed è stata Luciana Fernandes a rappresentare la MSW Group al tavolo dei relatori raccontando le sue esperienze personale, di donna, di madre di due splendide figlie, e di professionista affermata.

Da anni rappresentiamo una opportunità consolidata di lavoro, di carriera, di guadagni – ha sottolineato la Fernandes che ha fatto del suo lavoro un punto di partenza continuando a collezionare successi – E l’80% dei dipendenti sono donne, madri, studentessee laureate che ogni giorno alzano la qualità targata MSW Group anche lavorando part-time. Donne e mamme sulle quali altre aziende non investono e alle quali noi offriamo carriera, piani di guadagno stimolanti, incentivi e premialità“.

Donne e lavoro sono stati i principi ribaditi da tutte le relatrici in base alle proprie specifiche esperienze di donne e professioniste, a partire dallapadrona di casa della “Due Torri Event” Laura Rusciano all’organizzatrice dell’evento Valentina Pinelli, dalla preside dell’istituto Isiss Marconi di Vairano Scalo Filomena Rossi alla vice presidente di Confesercenti Angelica De Cristofano, dall’avvocato AndreinaValente fino alle conclusioni affidate alla senatrice Cinzia Leone, vicepresidente della commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, che ha voluto esserci seppure in collegamento da Roma.