Il bagno di gong con Antonella Nettuno apre la manifestazione Sport&Arte VivInSanLeucio

San Leucio (caserta) – Circondati  dal verde dello splendido paesaggio della Magione La Vigna e avvolti come in un abbraccio, dalla cornice storica del Real Sito di San Leucio, abbiamo vibrato insieme alle note prodotte dal suono del gong  ma anche  delle campane tibetane e di altri strumenti sacri; complice l’aria pura che si respira in certi luoghi lontani dal centro città siamo stati inebriati dai profumi degli alberi e delle piante del posto. Questa splendida esperienza ha inaugurato la manifestazione Sport&Arte VivInSanLeucio.

Dopo aver sistemato i nostri tappetini davanti ai gong, in direzione del suono, la maestra Antonella Notturno ci ha introdotto lentamente all’inizio del viaggio, sia spiegando le origini che i benefici di questa tecnica, ma fondamentalmente partendo dal nostro respiro. Il pranayama racchiude le tecniche del respiro di una disciplina antichissima che è lo yoga kundalini, come insegnato da Yogi Bhajan; Antonella ha iniziato il suo percorso spirituale proprio da qui.

L’esperienza è stata per tutti un ritorno al proprio sé, al maestro interiore, a Dio. Si tratta un momento di ascolto delle proprie emozioni, ma solo  chi riesce a lasciarsi andare al suono, ad abbandonarsi come tra le braccia di morfeo, può fare un’esperienza unica.

Il bagno di gong ripulisce il corpo da tutte le negatività sia a livello emozionale che energetico.

Al risveglio ci si sente come dopo un lungo sonno, carichi di energia ma anche con un senso di pace e serenità interiore.

Al termine della cerimonia  Antonella ha voluto salutarci come le ha insegnato il suo maestro Don Conreaux, abbiamo formato un grande cerchio  per ringraziare tutti di aver contribuito alla realizzazione di questa splendida meditazione.