Bando “Rigenerazione Urbana” rivolto ai comuni: le associazioni di Caserta chiedono una progettazione condivisa

Rigenerazione Urbana

Sono 20 i milioni di euro che può chiedere il Comune di Caserta in risposta al bando “Rigenerazione Urbana” che fa riferimento all’articolo 4 del 21 gennaio 2021 per l’Assegnazione ai comuni di contributi per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale.

Si tratta di un bando finanziato con i fondi della legge di bilancio, che ammonta complessivamente a 8,5 miliardi di euro. Questo apposito fondo, dal 2021 al 2034, finanzierà la manutenzione e il riuso di aree ed edifici pubblici, la demolizione delle opere abusive, gli interventi di ristrutturazione edilizia degli immobili pubblici e la mobilità sostenibile.

Possono richiedere il contributo i Comuni capoluogo di Provincia o sede di Città Metropolitana e i Comuni non capoluogo con popolazione superiore a 15mila abitanti. Il Comune di Caserta, in quanto capoluogo provinciale, può chiedere fino a 20 milioni di euro.

Si può ottenere il contributo per singole opere o interventi diversi ma coordinati, anche ricompresi nell’elenco delle opere incompiute, volti a migliorare la qualità del decoro urbano e ambientale. La scadenza del bando è il 4 giugno 2021.

È possibile finanziare sia la realizzazione che la progettazione esecutiva di alcuni interventi specifici:

– manutenzione per il riuso e rifunzionalizzazione di aree pubbliche e di strutture edilizie esistenti pubbliche per finalità di interesse pubblico, anche compresa la demolizione di opere abusive realizzate da privati e la sistemazione delle pertinenti aree;

– miglioramento della qualità del decoro urbano anche tramite ristrutturazione edilizia di immobili pubblici, con particolare riferimento allo sviluppo dei servizi sociali e culturali, educativi e didattici, ovvero alla promozione delle attività culturali e sportive;

– mobilità sostenibile: piste ciclabili, linee tramviarie e metropolitane, sistemi di parcheggio interscambio, funicolari, sistemi di trasporto intelligenti, arredo urbano, verde urbano, illuminazione pubblica.

Le richieste devono riferirsi ad opere inserite nella programmazione annuale o triennale degli enti locali e rientranti nello strumento urbanistico comunale.

Riteniamo che questa sia un’ottima occasione per il miglioramento della vivibilità e della qualità della vita a Caserta. La mancanza di spazi sociali e di aree verdi funzionali è ormai cronica in città: il bando Rigenerazione Urbana può e deve essere occasione per migliorare le aree verdi già in uso in città, rifunzionalizzare spazi verdi come il Parco Maria Carolina e l’Area dell’Ex S. Gobain, riqualificare spazi socioculturali come la Biblioteca Ruggiero o l’ex Biblioteca di via Roma, aprire spazi sociali nei quartieri popolari, intervenire in maniera decisa sulla mobilità sostenibile favorendo la pedonalità e la ciclabilità.

Pertanto, viene chiesto al Comune di Caserta di co-progettare gli interventi che verranno proposti in risposta a questo bando, con associazioni e cittadinanza. Negli ultimi mesi, molte associazioni e cittadini hanno inviato proposte all’Amministrazione per orientare al meglio i progetti presentati in risposta al Programma Innovativo Nazionale Per la Qualità dell’Abitare (Decreto Interministeriale n°395 del 16/09/2020).

La maggior parte delle proposte presentate dalle associazioni non hanno però trovato alcun riscontro nella progettualità effettiva presentata dal Comune di Caserta lo scorso 16 marzo.

Per questo motivo, oggi viene rilanciata la richiesta di aprire un tavolo e un dialogo costante con l’associazionismo e i cittadini per la condivisione dei progetti in stesura.

Per le Associazioni
Antonio Massimo Iannone
+39 3456110148

Le Associazioni:
Comitato Città Viva
Comitato per il Centro Sociale ODV
Comitato per Villa Giaquinto
Laboratorio Sociale Millepiani
UISP Caserta
LIPU
Comitato Per Villa Padre Pio
Cittadinanza Attiva
WWF – Caserta
Coop – Spazio Donna
Happy Hand on the Road
Coop. Zetesis
Unione Italiana Ciechi
Comitato Biblioteca Organizzata
AmateLab