Basket, Maddaloni gestisce l’emergenza e batte Nola

Maddaloni (Caserta) – La Pallacanestro San Michele Maddaloni ha regolato il Cap Nola seppur in una situazione di forte emergenza. I ragazzi di coach Adolfo Parrillo non si sono fatti spaventare dai forfait dei compagni Francesco Chiavazzo (ginocchio) e Federico Requena (febbricitante), conquistando una vittoria che per il diverso pedigree delle due squadre era scontata, ma mai così preziosa per lo stato fisico.

Pronti e via, i biancazzurri iniziano con l’ennesimo quintetto diverso della stagione: Salvatore Desiato, Giuseppe Pascarella, Carmine Moccia, Francesco Della Peruta e Luciano Rusciano. Nel primo tempo non mancano gli errori da entrambe le parti, con le difese che battono certamente gli attacchi. Proprio per questo si esalta Della Peruta, autore di una prova da 6 punti e 11 rimbalzi, che lotta come un leone vicino canestro. In fase offensiva si vede un ispirato Rusciano, e soprattutto un Desiato che segna risultando ancora una volta il top-scorer della squadra e crea per i compagni (6 assist).

Vengono commessi comunque diversi errori, la gara resta in equilibrio e così all’intervallo Maddaloni è appena un punto in vantaggio. La ripresa inizia con un Moccia on fire, che segna quasi da ovunque piazzando il break decisivo che permette ai biancazzurri di allungare sulla doppia cifra. L’esterno arpiona anche 11 rimbalzi, e dunque confeziona una doppia-doppia. Il terzo quarto è quasi a senso unico, e anche nell’ultima frazione viene ribadita la superiorità dei calatini. Il San Michele domina in lungo e in largo, gli avversari non ne hanno più e la forbice si allarga ulteriormente anche grazie all’apporto degli under maddalonesi che si ritagliano il proprio spazio.

Pall. San Michele Maddaloni- Cap Nola 76-55

Parziale primo tempo: 31-30.

Maddaloni: Requena n.e., Ragnino 6, Bocciero 4, Cioppa 3, Spallieri, Moccia 17, Desiato 21, Pascarella 3, Della Peruta 6, Rusciano 16, Chiavazzo n.e., All. Parrillo.

Arbitri: Simone Argenio di Mercogliano (AV) e Danilo Correale di Atripalda (AV).