“Beni confiscati, beni liberati, beni comuni”, se ne parla al Belvedere di San Leucio

Aderisci al progetto NCO - Nuove Comunità Organizzate per gestire i beni confiscati alla criminalità
immagine di repertorio
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Questa mattina in corso presso il Belvedere di San Leucio – Caserta, l’incontro organizzato da CSV Asso.Vo.Ce. ETS sul tema “Beni confiscati, beni liberati, beni comuni”.

Presente la Presidente di CSVnet Chiara Tommasini e alcuni CSV di altre regioni d’Italia impegnati sul tema: Cesvop Palermo e CSV Foggia

glp-auto-336x280
lisandro

In rappresentanza dei numerosi ETS della provincia di Caserta impegnati sul tema sono intervenuti: Organizzazione di Volontariato L’Albero Della Vita ODV Maddaloni – Ce, Comitato Città Viva, @Maeditactio ArtEspressa – Caffè Letterario & Pasticceria artigianale e La Strada Coop Sociale ONLUS.

“Si rinnova l’impegno del Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Caserta nel sostenere il lavoro di rete tra gli ETS e gli altri soggetti della comunità per la valorizzazione dei beni comuni.

Beni comuni – precisa la Presidente del CSV Asso.Vo.Ce. ETS Elena Pera – intesi come beni confiscati liberati dalla camorra e beni immobili pubblici liberati dall’incuria o dal degrado, che vengono restituiti alla comunità grazie all’impegno dei volontari e degli ETS del territorio”.

Dopo i saluti delle Istituzioni presenti, gli interventi di Cesare Sirignano – Magistrato Antimafia, Mauro Baldascino – Agente di Sviluppo Locale ed esperto di uso sociale di beni confiscati, Riccardo Christian Falcone – Responsabile del settore Beni confiscati di Libera Campania, Raffaele Zito – Agenda 21 per Carditello e i Regi Lagni.

Importanti le testimonianze di ETS della provincia di Caserta impegnati nel riuso sociale dei beni confiscati e dei beni comuni: L’Alberto della Vita ODV, Comitato Città Viva ODV, Cooperativa sociale Maeditactio e cooperativa sociale La Strada.

Ampio spazio è stato dato alle esperienze della rete dei Centri di servizio per il volontariato CSVnet, attraverso la partecipazione all’iniziativa del CSV di Foggia e del CeSVoP di Palermo, con il racconto delle relative esperienze sul tema.

Sono intervenuti anche Giuditta Petrillo – Presidente del CeSVoP Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo, Marcella Silvestre – Coordinatrice Area 2 “Progettazione e sviluppo” CeSVoP, Pasquale Marchese – Presidente del CSV Foggia e Roberto Lavanna – Direttore del CSV Foggia.

Le conclusioni sono state affidate alla Presidente di CSVnet Chiara Tommasini.

L’iniziativa rientra in un più ampio percorso promosso negli anni dal CSV Asso.Vo.Ce. ETS per la valorizzazione delle buone pratiche di riuso sociale dei beni confiscati e dei beni comuni della provincia di Caserta.

Buone pratiche che i volontari e gli ETS hanno imparato a conoscere attraverso percorsi formativi, attività di ricerca-azione, promozione e informazione promossi dal CSV Asso.Vo.Ce. ETS; attività promosse con la collaborazione di numerosi enti impegnati sul tema: da Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie a Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà, da Avviso Pubblico ai Comuni casertani maggiormente impegnati sul tema, da Agenda 21 per Carditello e i Regi Lagni ad alcuni Dipartimenti di Università campane.