Beni Culturali e inclusione: al Museo Diocesano di Aversa il prestigioso “Premio Maneant”

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Importante riconoscimento per il Museo Diocesano di Aversa e per i soci dell’Associazione In Octabo, risultati vincitori della sezione Musei del Premio Maneant, organizzato dalla Fondazione San Bonaventura di Napoli.

La premiazione è avvenuta sabato 21 ottobre 2023 nella splendida cornica del complesso monumentale di San Lorenzo Maggiore a Napoli, a conclusione dei due giorni del meeting “SBAM… INCONTRI RAVVICINATI (San Bonaventura Biblioteche Archivi Musei)”.

sancarlolab-336-280

Erano sei le finaliste dell’evento, giunto alla terza edizione e rivolto agli operatori dei beni culturali: un’occasione di incontro e confronto tra istituzioni ed operatori della cultura per condividere problematiche, soluzioni ed iniziative culturali.

Il premio è stato ritirato dal dott. Stefano Cavallo, archivista della diocesi e socio dell’Associazione In Octabo, che si occupa della promozione e valorizzazione del Museo Diocesano di Aversa.

L’iniziativa premiata, dal titolo ‘MAB da Toccare. Percorsi senza barriere‘, si è svolta dal 13 al 21 maggio 2023, in occasione delle Giornate di valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico ‘Oltre lo scivolo. Beni culturali ecclesiastici: dall’accessibilità all’inclusione’. La sede dell’evento è stato il Museo Diocesano con la sua collezione pittorica e documentaria permanente che racconta la storia, la committenza e la devozione della Diocesi stessa. Per l’occasione è stato proposto un ‘percorso tattile’ su una selezione di opere del museo, dell’archivio e della biblioteca, in modo da rendere percepibili forme, dimensioni, materiali, motivi decorativi. Nella sala didattica, inoltre, è stato installato un video multimediale sulla collezione museale esposta, supportato da sottotitoli ed affiancato dalla lingua dei segni. La partecipazione è stata gratuita ed aperta a tutti.

“MAB da Toccare ha consentito di porre l’attenzione alle persone con disabilità – spiega Stefano Cavallo – e, in modo particolare, ha permesso di riflettere sulla necessità dell’inclusione a 360° gradi. Le esperienze visive, tattili ed uditive per una cultura priva di ostacoli sono state pensate per vivere l’aggregazione e la conoscenza del mondo storico artistico della Diocesi”. I tre enti coinvolti auspicano che l’iniziativa svolta possa crescere e radicarsi nella comunità diocesana per divenire una vera e propria installazione fissa.