Biagio Izzo, tante risate e applausi a scena aperta per l’istrionico attore al Belvedere di San Leucio

Biagio Izzo

Biagio Izzo ieri sera non ha deluso le aspettative degli oltre duemila spettatori accorsi al Belvedere di San Leucio per assistere al suo ultimo lavoro teatrale “Un giorno all’improvviso”. Affiancato in scena da Mario Porfito, Francesco Procopio e Rita Corrado, lo spumeggiante comico napoletano ha dato il meglio di se in una commedia ricca di battute estemporanee e un colpo di scena finale.

Lo spettacolo faceva parte del ricco cartellone dell’edizione 2022 del festival “Un Estate da BelvedeRE”, diretta da Massimo Vecchione. Una serie di eventi, in cartellone dal 24 giugno al 2 settembre, che anche quest’anno, oltre a Biagio Izzo, vanta nomi illustri dello spettacolo: Villabanks, Rkomi, Drusilla Foer, Gigi Finizio, Paolo Nutini, Valerio Lundini & i Vazzanikki , Kings of Convenience, Lazza , Sal Da Vinci. Volutamente non abbiamo riportato le date del programma poiché tutti gli spettacoli sono sold-out.

Biagio Izzo è oramai diventato un appuntamento fisso di questa imperdibile manifestazione estiva: in sette edizioni ha sempre partecipato ed ha sempre registrato il sold-out. Questo a dimostrazione del grande affetto che il pubblico casertano prova per l’attore napoletano.

Prima dello spettacolo il direttore artistico Massimo Vecchione ha riservato una gradita sorpresa agli spettatori: un bellissimo spettacolo di fuochi pirotecnici ha illuminato a giorno il Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio.

Ci teniamo ad evidenziare una lodevole iniziativa della residenza per anziani “Nonna Anna” di Caserta che ieri sera ha condotto alcuni suoi ospiti ad assistere allo spettacolo in prima fila seduti sulle proprie carrozzine. Un bel gesto che, speriamo, abbiamo donato qualche momento di serenità alle persone anziane coinvolte.

Un Estate da BelvedeRE è una manifestazione divisa tra il teatro e la grande musica che si svolge oramai da sette anni nel Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio, voluto da Carlo di Borbone e Patrimonio dell’Umanità Unesco. Il festival è interamente finanziato da privati e gode del Patrocinio Morale del Comune di Caserta.

Nonostante gli ultimi due anni di pandemia e di stop forzato – ha dichiarato il direttore artistico Massimo Vecchione – sono riuscito a lavorare ad un cartellone di un livello nettamente al di sopra di ogni aspettativa. Gli eventi in programma sono stati letteralmente presi d’assalto e per alcuni i biglietti sono terminati in poche ore. Non escludo che a breve possano aggiungersi altri artisti altrettanto bravi ed affermati. Il pubblico ancora una volta ha voluto premiare la nostra scelta di puntare sulla qualità degli artisti.