“Biblioteca Comunale di Caserta, lo spazio che vorrei”: ecco i risultati del questionario rivolto ai cittadini

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

E’ possibile pensare ad un utilizzo migliore dello spazio che la Biblioteca Comunale “Alfonso Ruggiero” – Caserta offre?

Magari per l’organizzazione di iniziative ed eventi che la rendano un luogo vivo di socialità e cultura?

glp-auto-336x280
lisandro

Queste e altre le domande inserite nel questionario promosso dalle associazioni in rete per il progetto “Biblioteca Bene Comune” teso a dare un nuovo volto alla Biblioteca Comunale Alfonso Ruggiero di Caserta attraverso un processo di gestione condivisa e che gode del sostegno di Fondazione con il Sud e Cepell.

E sono tante le idee suggerite per immaginare un nuovo modo di vivere e godere della biblioteca comunale di Caserta e che rappresenteranno la parte sostanziale del progetto #BibliotecaBeneComune.

Idee recepite attraverso eventi ed attività online e che nei prossimi mesi diverranno spunti da sviluppare per il progetto finale.

E dell’inchiesta, che ad oggi ha coinvolto circa 300 persone tra studenti e cittadini, già circolano alcuni i risultati estrapolati dai questionari di valutazione e proposte per la Biblioteca Comunale “Alfonso Ruggiero” – Caserta.

Alla domanda su come utilizzare lo spazio a disposizione, il 97% degli intervistati ha espresso il desiderio di un  utilizzo migliore e differenziato rispetto al passato.

Ed ecco le proposte:

  • aprire gli spazi chiusi ed inutilizzati;
  • differenziare gli spazi già disponibili, ad esempio predisponendo aule studio in silenzio, aule studio di gruppo e ad alta voce, aula digitale con postazione pc e attrezzature utili, aula relax, aula lettura.
  • promuovere iniziative per coinvolgere diverse fasce d’età;
  • organizzare incontri per far conoscere la storia della Biblioteca e il suo patrimonio librario;
  • programmare presentazioni di libri, di musica, cinema, e seminari tematici

E sul fronte “cultura e socialità” il 55% degli intervistati ha dichiarato di non aver mai partecipato ad eventi e incontri realizzati in biblioteca.