“Boicotta la Botta”, al via la campagna social di Ciochevedoincitta contro i botti festivi, a tutela dei quattrozampe

Come ogni anno riparte BOICOTTA LA BOTTA, la campagna di Ciochevedoincitta contro i botti festivi, natalizi e di Capodanno, che purtroppo non interessano soltanto gli specifici giorni citati, ma tutto il periodo, in queste settimane infatti è un vero delirio giornaliero, soprattutto grazie ai ragazzini che hanno facile accesso alle cosiddette botte da bancone.

A Natale risparmiate i soldi, meglio spenderli in cibo. E salverete mani, dita, orecchie, bambini e pelosi innocenti. Mica é poco? Ne vale la pena“!

Così cita lo spottino dell’associazione che sta girando in queste ore sui social network, invitando gli utenti non solo a condividere ma a fare essi stessi un’operazione di informazione e contropromozione all’utilizzo dei famigerati botti o fuochi artificiali.

Un vero e proprio incubo per la maggior parte degli animali, cani e gatti. Il fragore dei botti, infatti, scatena negli animali una naturale reazione di spavento in quanto i suoni fragorosi vengono percepiti in una misura di 20 volte superiore all’orecchio umano e questo li porta frequentemente a perdere l’orientamento, esponendoli così al rischio di smarrimento o di investimento.

Ogni anno ci prepariamo a queste feste con grande ansia – spiega Mariagrazia Manna, presidente dell’associazione Ciochevedoincitta e fondatrice del movimento in provincia di Caserta –  i volontari di associazioni che accudiscono animali randagi, colonie feline, ma anche i normali propietari di animali da compagnia sono angosciati. 

 I nostri gruppi e pagine social soprattutto su Facebook sono un vero polso delle situazioni e purtroppo in questi giorni sono numerose le segnalazioni di animali scomparsi o scappati per via del fragore dei botti. Ricordiamo ancora dal Natale scorso amici che hanno segnalato la scomparsa di cani di quartiere, amati, accuditi e mai più ritrovati.

Non solo, peggio ancora, veniamo a conoscenza di veri scempi e torture ai danni degli animali utilizzati spesso come cavie di orridi giochi di strada da ragazzini incoscienti e decisamente senza cuore.

Per noi cosiddetti Urban watchers, cittadini attivi è un dovere morale fare campagna informativa sui pericoli e i danni dell’utilizzo smodato dei cosiddetti botti, oltre ovviamente a scoraggiarne l’acquisto, che come sappiamo, soprattutto per quelli illegali, alimenta un giro di affari criminale molto radicato sul territorio, ma questo è un altro capitolo”.

Ed anche dal Comune di Caserta viene reiterato l’avviso alla cittadinanza, come troviamo pubblicato sul portale dell’amministrazione: “Anche quest’anno nella città di Caserta vigerà il divieto assoluto di sparare i botti in occasione dell’arrivo del nuovo anno. Il divieto tassativo di utilizzare botti e fuochi d’artificio è previsto dal Regolamento di Polizia Urbana approvato in Consiglio Comunale lo scorso 12 luglio 2017.

Pertanto, si invita la cittadinanza tutta ad attenersi a quanto prescritto dal regolamento per evitare situazioni di grave rischio e tutelare le categorie di persone più a rischio (bambini e anziani) nonché gli animali”.


IL TESTO DEL REGOLAMENTO (Rif. Cap.2, art 7, lettera p):

http://albopretorio.comune.caserta.it/archivio4_atto_0_29215_0_3.html