Bracconieri uccidono un raro esemplare di Falco, la denuncia del WWF

È morto il Lodolaio (Falco subbuteo), recuperato dalle guardie venatorie e Zoofile volontarie del WWF e dell’ENPA, giovedì 4 ottobre 2018 nel territorio del comune di Piana di Monte Verna (Caserta).
Il fatto è di una gravità estrema – dichiara Piernazario Antelmi, delegato del WWF Italia per la Campania – perché questo splendido Lodolaio (Falco subbuteo) è morto sparato da gente senza scrupoli, che spara solo per il piacere di uccidere, ed ancora una volta si spara a specie protette senza prestare la minima attenzione, il solco tra cacciatori rispettosi delle regole e Bracconieri si fa sempre più stretto. Non è possibile confondere un falco con altra specie di Avifauna. Quindi l’abbattimento è stato voluto. Purtroppo non è il primo caso in campania dall’inizio della stagione venatoria e temiamo non sarà l’ultimo.

“Il medico veterinario del presidio ospedaliero veterinario dell’ASL NA 1 centro del Frullone di Napoli mi ha confermato la presenza di pallini nel corpo dell’animale – spiega amaramente Alessandro Gatto, coordinatore regionale delle Guardie Giurate Volontarie del WWF. Le Guardie Giurate Volontarie Venatorie e Zoofile del WWF Italia e le Guardie delle altre associazioni ambientaliste (ENPA E LIPU) promettono di intensificare ancora di più  i controlli  antibracconaggio in tutto il territorio Campano, in stretta collaborazione con le Procure e con le Forze dell’ordine.