Brescia non accetta il posticipo della partita, Volalto 2.0 Caserta scenderà in campo con 14 “ragazzine”

Caserta – Continuano le difficoltà per la Golden Tulip Volalto 2.0.
La squadra di volley femminile casertana, che milita quest’anno in serie A1 tra mille difficoltà, è arrivata al punto da non disporre neppure della squadra al completo per affrontare la gara casalinga prevista per mercoledì 15 gennaio al PalaVignola di Castel Morrone contro il Brescia.

Gli avversari non hanno accettato il non meglio precisato posticipo della partita, così il club rosa-nero ha deciso di scendere in campo con “14 ragazzine“.
Riportiamo di seguito il testo dei ben due comunicati stampa che il Club ha diramato oggi e che comprendono le dichiarazioni del presidente Nicola Turco in merito alla vicenda:

Entro mercoledì la Volalto 2.0 Caserta non riuscirà a fare i transfer per i nuovi arrivi. Caserta proteggerà a tutti i costi le atlete rimaste, oltre che i nuovi arrivi, e non le farà scendere in campo.

Il Club sta tesserando 14 ragazzine che schiererà, in occasione della gara casalinga, contro il Brescia. La prima squadra e lo staff, unitamente alla dirigenza, si gusteranno la partita dagli spalti e poi tutti a cena a Napoli al ristorante “La Bersagliera”.

La Volalto andrà avanti e scenderà in campo compatta a Firenze. Al PalaVignola, mercoledì sera, ci saranno 500/600 studenti di tutta la provincia a divertirsi ed a fare il tifo.

Si lavora freneticamente in queste ore: se le regole lo permetteranno, sul taraflex scenderanno bambine di 5 anni accompagnate dai genitori. In merito a questa scelta, lasciamo i commenti agli addetti ai lavori. Alle critiche siamo abituati e non le prendiamo affatto in considerazione.

“Ho mandato via atlete e coach e, adesso, ho il dovere di proteggere le atlete, che sono rimaste fedeli al progetto della Volalto, e tutto lo staff”. Così il patron della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta, Nicola Turco, alla vigilia dell’appuntamento di mercoledì prossimo, al PalaVignola, contro il Brescia che non ha acconsentito ad un posticipo della gara.

“Mi assumo tutte le responsabilità, – aggiunge il presidente del Club casertano – e non farò scendere in campo le mie atlete senza i nuovi arrivi. Preferisco perdere, schierando sul taraflex le bambine, e assumermi le mie responsabilità piuttosto che far mortificare le mie atlete e lo staff che meritano soltanto onore e gloria! Questa è la mia posizione ufficiale e non intendo tornare sui miei passi!”.

Loading...