In Campania gli infetti aumenteranno del 4% secondo uno studio di AGENAS

In Campania gli infetti aumenteranno del 4% secondo AGENAS e Università di Trento

Il virus continua a circolare e a far danni. In Campania, sebbene il dato dei ricoveri in aree mediche e delle persone in isolamento domicilare sia pressoché analogo a quello registrato a dicembre 2020, i ricoverati in terapia intensiva sono invece in numero superiore. Inoltre, i decessi continuano a crescere, pur in numero inferiore a quello registrato a dicembre 2020, nel quale si è avuta la maggiore crescita mensile. Prospetto e grafico ne illustrano il dettaglio.

La corretta analisi e la comprensione del dato epidemiologico e della tendenza di sviluppo dell’epidemia consentono efficaci politiche di contrasto al Covid-19. Pertanto, AGENAS e Università di Trento hanno sviluppato un nuovo sistema predittivo chiamato “R star con t” [R*(t)].

La sua prima applicazione avrebbe consentito di prevedere per la prossima settimana una riduzione media dell’1% d’infetti, pur con marcate oscillazioni regionali. In Campania, il nuovo sistema di previsione epidemiologica avrebbe stimato una crescita d’infetti del 4%. Una buona notizia, dal momento che, dal 16 al 22 febbraio 2021, il numero di nuovi infetti è cresciuto di ben 10.436 unità (+15%).

(*) Direttore Scientifico e Responsabile dello Sportello Salute ANCI Campania