Campania terra di poker: tre Assi nella Top Ten italiana

Las Vegas
Las Vegas (fonte: Pxhere)

La Campania può contare su un trittico di top player, a livello sia mondiale che europeo, capaci di ottenere grandi risultati ai tavoli verdi più prestigiosi e di tenere alta la bandiera della nostra Regione anche di fronte ai migliori giocatori al mondo.

Chi sono i magnifici tre? In ordine di vincite ottenute, i nomi ormai sulla bocca di tutti sono quelli di Dario Sammartino, Antonio Buonanno e Sergio Castelluccio. Grazie a loro, la Campania è l’unica Regione italiana che può vantare tre giocatori nella Top Ten nazionale del poker. Mettendo assieme le loro vincite, si arriva a sfiorare la somma astronomica di 19 milioni di dollari!

SAMMARTINO – Il numero uno è Dario Sammartino, in assoluto l’italiano più vincente di sempre. Il suo montepremi da pokerista parla chiaro: oltre 14 milioni e mezzo di dollari per il napoletano, classe 1987, unico italiano a rientrare nella prestigiosa Top 50 mondiale dei giocatori più prolifici. Da vero uomo di sport, Dario si è sempre fatto promotore di una competitività positiva per un poker che sia condivisione e divertimento. Lo si è visto da come ha parlato dei suoi avversari al tavolo finale al Main Event WSOP 2019 dove, arrivando secondo, ha sfiorato ancora una volta la conquista del mitico braccialetto in quel di Las Vegas. Secondo posto che gli ha comunque consegnato un premio da 6 milioni di dollari! Una bella consolazione per lui che ha già vinto lo European Poker Tour, un Torneo dei Caraibi oltre a diversi eventi dell’Italian Poker Tour.

BUONANNO – Molto significativo anche il bottino incamerato in carriera da Antonio Buonanno, capace di accumulare la cifra molto significativa di circa 2 milioni e 400mila dollari. Un dato che lo piazza al sesto posto dei giocatori italiani più vincenti. In carriera, il 54enne imprenditore di Marzano Appio (Caserta), ha inanellato nove piazzamenti importanti nel circuito EPT. Celebre la grande vittoria del 2014 a Monte Carlo che gli ha donato la ribalta a livello nazionale, essendo il secondo italiano capace di vincere il più importante torneo europeo. Buonanno non si è comunque fermato lì, portando a casa due piazzamenti al World Poker Tour e tre piazzamenti alle WSOP, le mitiche World Series of Poker. Risultati che lo hanno fatto entrare tra i mille giocatori mondiali più vincenti di sempre: attualmente il casertano si trova infatti in posizione 734.

CASTELLUCCIO – A completare il tris dei grandi nomi del poker “Made in Campania” c’è Sergio Castelluccio. Anche lui nella Top 1000 mondiale (alla posizione 768) e nella Top Ten italiana, con un nono posto figlio di un montepremi di tutto rispetto: oltre 2 milioni e 300mila dollari. I suoi piazzamenti più memorabili sono il primo posto al Main Event del WPT di Bruxelles del 2017 e la vittoria alle WSOP International Circuit del 2015 a Campione d’Italia. Classe 1967, Castelluccio è originario della provincia di Avellino e gioca da professionista ormai dal 2008: molto attivo anche nei tornei online dove è conosciuto con il curioso nickname di “geniodelletartarughe”.

I campioni di poker sono solo la punta dell’iceberg di una Regione che ama il mondo del gioco. A mostrarlo sono i dati relativi al settore sia fisico che online, sempre più in crescita, diffusi dal Libro Blu realizzato ogni anno dall’ADM, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Nel 2019, in Campania sono stati investiti nel gioco 7 miliardi e 677 milioni di euro, più di un decimo della raccolta nazionale, arrivata a 74 miliardi e 100 milioni di euro.

Sul fronte della spesa pro capite, i campani sono dietro solamente ai giocatori dell’Abruzzo. La spesa in Regione è stata infatti di 2.167 euro pro capite, con una crescita importante della quota online arrivata a 845 euro. Per quanto riguarda le singole province: Caserta guarda tutti dall’alto con una spesa pro capite di 1.809 euro. Subito dietro Salerno (1.712 euro), poi Napoli (1.595 euro), Benevento (1.343 euro) e Avellino (1.222 euro).

Numeri importanti, in particolare quelli di Caserta dove il 2021 si apre all’insegna della bellezza, a partire dalla celeberrima Reggia del Vanvitelli.

La speranza è che tra i giocatori di poker si nasconda già oggi il campione di domani!

Reggia di Caserta