Campo estivo per 150 ragazzi ucraini, la missione umanitaria di Air Campania raggiunge Palinuro

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

La missione umanitaria di AIR Campania, l’azienda che gestisce il  trasporto pubblico su gomma in Campania, è giunta a destinazione a Palinuro (SA) dopo quasi 50 ore di viaggio e circa 4.000 km percorsi.

Nella bellissima località balneare del Cilento, 100 ragazzi orfani di guerra, il più piccolo di soli 3 anni e il più grande di 18, parteciperanno a un campo estivo fino al 24 giugno.

glp-auto-336x280
lisandro

Ad accompagnarli in questa esperienza saranno anche altri 50 ragazzi della comunità ucraina della “Santissima Trinità” di Caserta. Giovani che provengono dalle città ucraine di Ivano-Frankivs’k, Donetsk, Sumy, Kirovohrad, Kyiv, Rivne, Vinnytsia, Chernihiv, Cherkasy, Khmelnytsk e Poltava.

Tale missione umanitaria è stata organizzata d’intesa con la Regione Campania, nata grazie all’iniziativa di don Giuseppe Di Bernardo e padre Igor Danylchuk, ed è stata possibile grazie al supporto degli uffici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti delle sedi di Roma e Napoli.

I bus di AIR Campania sono partiti mercoledì scorso da Caserta e ieri mattina hanno raggiunto Luzhanka, valico di frontiera tra l’Ucraina e l’Ungheria. Qui la delegazione campana è stata accolta da don Andrii Budziak, direttore della Caritas di Nadvirna, che gestisce un rifugio per profughi di guerra. Dopo l’accoglienza, i 100 ragazzi ucraini sono saliti a bordo dei bus con destinazione il Cilento.

Il campo estivo a Palinuro offrirà ai ragazzi l’opportunità di vivere un’esperienza di svago e serenità, lontano dai traumi e dalle difficoltà della guerra, con l’obiettivo di far riscoprire loro la gioia dell’infanzia e dell’adolescenza.

L’amministratore di AIR Campania, Anthony Acconcia, visibilmente emozionato, ha dichiarato: «Alcuni di loro hanno visto solo la guerra e mai il mare. Bisogna costruire ponti di pace e di amicizia tra i popoli. Oggi regalare un sorriso a questi ragazzini mi riempie il cuore di gioia. Ringrazio gli autisti, la grande famiglia di AIR Campania, in particolare il veterano Michele, e tutti coloro che hanno reso possibile questa meravigliosa avventura. È stato un viaggio lungo e impegnativo, ma ci ha portato a un momento di pura felicità e speranza per questi giovani».