Cannabis light: sequestrati tre negozi in provincia di Caserta

Sulla base della recente sentenza delle Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione, le forze dell’ordine stanno eseguendo perquisizioni in molti negozi di “cannabis light”. In provincia dì Avellino gli uomini della Guardia di Finanza hanno sequestrato 72 confezioni di infiorescenze essiccate di cannabis light messe in vendita in un distributore automatico nei pressi di un istituto scolastico del capoluogo irpino

In provincia di Caserta, tre negozi che vendevano cannabis sono stati sequestrati nella sera di venerdì 31 maggio dai carabinieri che hanno eseguito un decreto d’urgenza di perquisizione e sequestro preventivo emesso dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere. I titolari dei negozi sono stati denunciati perché “detenevano ed esponevano per la vendita infiorescenze, foglie, resina e olio ottenuti dalla coltivazione di una varietà di cannabis” che non rientra tra quelle ritenute “legali”.

Qualche mese fa noi di CasertaWeb ci eravamo già occupati dell’argomento in un dettagliato reportage realizzato sulla proliferazione di questi negozi di “erba legale”. Avevamo cercato di fare il punto della situazione su questo fenomeno che sta prendendo sempre più piede in tutta Italia ed anche in Terra di Lavoro. Siamo assolutamente d’accordo che questo fenomeno commerciale crei tanti posti di lavoro ma riteniamo necessario capire effettivamente fino a che punto questa commercializzazione sia legale e scevra da danni alla salute.

Loading...