Canta Napoli e Comicità napoletana al Piccolo Teatro Cts di Caserta

Al Piccolo Teatro Cts di Caserta si esibirà un nuovo trio Comico/musicale. In scena, oltre allo stesso fondatore del Cts Angelo Bove, ci saranno anche Gino Accardo e Pippo Infante. Infatti, per il prossimo sabato 29 febbraio alle ore 21 e domenica 1 Marzo alle ore 19, è previsto lo spettacolo Canta Napoli e Comicità napoletana scritto, diretto, adattato e interpretato dal Bove; La rappresentazione è a tratti musicale, oltre ad essere composta da vari sketch divertentissimi di cabaret scurrile eseguiti in lingua napoletana dalla durata di circa 1 ora e 15 minuti. Sono previste canzoni umoristiche e classiche napoletane, che saranno eseguite principalmente da Gino Accardo e alcune da Pippo Infante e Angelo Bove.

In tutto questo ovviamente c’è da tenere presente la linea comune di tutto lo spettacolo, ovvero la tematica principale e peculiare, che nasce da una passerella di espressioni dialettali che provocano un umorismo costruito proprio sui doppi sensi e legittimato dalle stesse villanie popolari e tradizionali. Per cui tale spettacolo è stato opportunamente “apparecchiato” per proporre una comicità, certamente con licenziosità impudica, ma senza dubbio con notevole ironia, evitando un calo di stile.

Si assisterà a un’aberrante e ironica scenetta di anziani coniugi, che per dare nuovo brio sessuale al loro degenerato rapporto, decidono di pubblicare un annuncio per trovare un “terzo”, e provare a fare sesso a tre. Si alterneranno vari siparietti comici sotto forma d’indovinelli, sketch di Viviani e personaggi come l’onorevole Tartaglia (o’ncacaglio) alle prese di un anomalo comizio elettorale. Inoltre, Bove, ci presenterà un “frammento comico” de Il Bazzariota, uno scritto critico del 1983 che il compianto prof. Franco Carmelo Greco realizzò nei programmi di sala per la messinscena de La commedia dell’opulenza a cura di Roberto De Simone, tratta a sua volta da La dama del bell’umore di Domenico Macchia (1764).

Si trascorreranno circa 75 minuti da sana allegria e di puro divertimento. Quindi sorridere sempre, anche quando le circostanze sembrano o siano avverse. Per questo, l’antidoto contro la tristezza e la negatività, lo dona proprio l’attore comico: io regalo un sorriso e tu pubblico in cambio mi rendi un applauso.