Il nuovo capo della Squadra Mobile dell’Aquila, Marco Mastrangelo, ha origini casertane

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Il nuovo capo della Squadra Mobile dell’Aquila ha origini casertane: Marco Mastrangelo, sostituisce il vice questore Tommaso Niglio, attualmente impegnato in un Corso di Alta Formazione presso la Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia a Roma.

Il vice questore aggiunto della Polizia di Stato Marco Mastrangelo, 44 anni, originario di Piedimonte Matese è laureato in Giurisprudenza nonché in Scienze dell’Amministrazione ed ha conseguito il titolo di avvocato.
Entrato in Polizia nel 1999 ha maturato numerose esperienze professionali in più ruoli. Dopo avere frequentato, dal 2006, il corso biennale di formazione per Commissari presso la Scuola Superiore di Polizia, conseguendo anche il master di 2 Livello in Scienze della Sicurezza, ha prestato servizio dal 2008 presso il V Reparto Mobile di Torino, partecipando a numerosi servizi di ordine pubblico in occasione di importanti manifestazioni nazionali ed internazionali e dal 2012 presso la Questura di Cuneo in qualità di Dirigente della Divisione Polizia Anticrimine, Vice Capo di Gabinetto e, dal 2014, di Capo della Squadra Mobile.

glp-auto-336x280
lisandro

Marco Mastrangelo si è insediato oggi nel suo nuovo ruolo ed ha ricevuto gli auguri per il suo operato futuro dal Questore Orazio D’Anna. Subito dopo il suo arrivo il nuovo capo della Squadra Mobile ha incontrato anche il Procuratore Generale presso la Corte d’Appello, Pietro Mennini ed il Procuratore della Repubblica di L’Aquila, Michele Renzo.