Capodanno a Caserta, basteranno le misure di sicurezza messe in atto dal Comune?

Caserta – In occasione delle ricorrenze natalizie tanti casertani hanno affollato le strade del centro della città per le ultime compere, i brindisi e gli auguri.

Sebbene le musiche, le bottiglie stappate, il trambusto e la folla festante siano il sintomo positivo di una città viva, non sono mancati i risvolti più spiacevoli: il giorno 24 dicembre il traffico selvaggio e l’esplosione di botti illegali qua e là turbavano la quiete pubblica, numerosi giovani e giovanissimi vagavano visibilmente ubriachi nel cuore della città, non sono mancati atti vandalici all’arredo urbano, compreso l’albero di Natale in piazza Margherita, e persino risse.

Dulcis in fundo, al termine della giornata, le strade strade erano invase da rifiuti, in particolare bottiglie di vetro e bicchieri di plastica. Uno scenario dir poco indecoroso.
Il tutto sotto lo sguardo impotente della Polizia Municipale.

Nel tentativo di arginare questo fenomeno, che prevedibilmente dovrebbe verificarsi di nuovo nel giorno di San Silvestro, i consiglieri comunali Norma Naim e Francesco Apperti hanno inviato una lettera ai cittadini ed alle autorità, compresi il Comandante della Polizia Municipale Luigi De Simone ed il Prefetto Raffaele Ruberto, raccomandando che ognuno faccia la propria parte nell’evitare che si ripeta lo scenario indecoroso e pericoloso della vigilia di Natale.

Inoltre i due consiglieri del gruppo “Speranza per Caserta” suggeriscono l’estensione degli orari della ZTL equiparando il giorno della vigilia di capodanno ad un giorno festivo, così da disciplinare il traffico.

Vale la pena ricordare che il Sindaco Carlo Marino, con l’ordinanza numero 63 del 17/12/218 ha dato una forte stretta all’utilizzo di articoli pirotecnici, tra l’altro vietando l’utilizzo e la vendita di botti e fuochi d’artificio per utilizzo professionale (categoria F4 europea, categoria IV italiana) e l’utilizzo di articoli pirotecnici di ogni genere in prossimità di luoghi sensibili (case di riposo, ospedale, depositi e cassonetti dei rifiuti, ricoveri zootecnici, depositi di materiale infiammabile, manifestazioni e spettacoli).

Al momento non si hanno notizie di altri provvedimenti, basteranno le raccomandazioni ed un’ordinanza ad evitare guai nel giorno della vigilia di capodanno?