Capua Sacra: “Arte per Arte”, appuntamenti dal 5 al 7 gennaio

Capua – Continuano gli appuntamenti di “Arte per Arte”, il progetto di raccolta fondi targato “Capua Sacra” che, in collaborazione con il “Capua il Luogo della Lingua”, si propone di finanziare il restauro del patrimonio artistico e culturale custodito dalla Basilica Cattedrale di Capua. Un avvio d’anno che, da venerdì 5 gennaio a domenica 7 gennaio, illuminerà di musica, arte, teatro, storia e letteratura le chiese e le strade della città.

Venerdì 5 gennaio alle 19.30 nella Chiesa della Carità ci sarà “Sullo stesso piano” – Lettere e musiche di GIUSEPPE MARTUCCI, di e con Angelo Callipo, con Antonio Zona al pianoforte.

Il 6 gennaio del 1856 nasceva a Capua, nei pressi della Chiesa della Carità, il compositore Giuseppe Martucci. Sarà ricordato con uno spettacolo che prende le mosse dal carteggio tra Martucci e Teresa Maglione, donna di estrema sensibilità e mecenate di artisti, nel quale la gratitudine del musicista si mescola a momenti di più profonda confidenza. Quale fu la natura del loro rapporto? Quale legame celano quelle lettere? Attraverso un gioco di rimandi tra musica e vita, arte e sentimento, la personalità di Martucci appare incarnarsi in una doppia sfaccettatura: l’artista alla ricerca della perfezione e l’uomo che si trova a combattere con le proprie fragilità.

Angelo Callipo, muovendosi tra reading e interpretazione, farà parlare Martucci svelandone i lati meno conosciuti, mentre le sue note suonate dal vivo dal Maestro Antonio Zona ne racconteranno l’estro e il rigore musicale. Una produzione Capua il Luogo della Lingua per il progetto Arte per Arte. Costo del biglietto: 5 euro

Sabato 6 gennaio alle 18.00 nella Chiesa di San Giovanni a Corte Capua Sacra presenta la mostra IN NOMINE LUCIS di Teresa Dell’Aversana, Duepernove, Rosanna Pezzella in collaborazione con Galleria Studio Legale

La Chiesa di S. Giovanni a Corte a Capua ospita le opere di quattro artisti visivi: Teresa Dell’Aversana, Duepernove (Francesco Capasso, Annamaria Natale) e Rosanna Pezzella, chiamati ad immaginare una nuova iconografia del sacro attraverso i segni dell’arte contemporanea. Il ribaltamento della pianta originaria della chiesa ha suggerito altri e nuovi sovvertimenti di senso e di orientamento, il sopra è il sotto, il dentro è il fuori, nell’ombra la luce. Nelle opere allestite nella navata, nella sagrestia e nella cripta, la luce svela e rivela un metamorfico corpo mistico declinato in tre lavori differenti ma che appaiono un tutt’uno “In Nomine Lucis”.

Domenica 7 gennaio alle 11 nel Quadriportico della Cattedrale LE STAGIONI DI CAPUA, percorso drammatizzato dedicato al patrimonio monumentale di Capua dove il teatro farà rivivere la storia e i suoi protagonisti. Una produzione del Capua il Luogo della Lingua a cura della Compagnia teatrale La Mansarda – Teatro dell’Orco.Testi di Marco Palasciano e Roberta Sandias, Regia di Maurizio Azzurro

I visitatori, guidati dalla Capua Fidelis e da Pulcinella nato dalla penna del capuano Silvio Fiorillo, incontreranno Pier delle Vigne, Ettore Fieramosca, Ferdinando Palasciano e Giuseppe Martucci, e ascolteranno dalla viva voce dei personaggi la loro e la nostra storia, dal Placito Capuano (960), al Sacco di Capua ad opera di Cesare Borgia (1501) e al Trattato di Casalanza (1815).