Carabinieri sequestrano 786 mila litri di alcool “non idoneo al consumo umano”

Il reparto Carabinieri Tutela Agroalimentare di Salerno e il personale dell’Agenzia delle Dogane di Napoli 2, Salerno e Caserta, hanno sequestrato circa 786 mila litri di alcool pronto alla vendita. Le bevande alcoliche non risultavano idonee al consumo umano. Un soggetto è stato denunciato all’autorità giudiziaria per frode in commercio di sostanze nocive, come sancito dagli articoli 444 e 515 del codice penale.

L’immissione dei prodotti nocivi sul mercato avrebbe permesso introiti pari a circa 12 milioni di euro. Gli investigatori hanno proceduto a sequestrare l’intero stabilimento, poiché privo della prevista Autorizzazione Integrata Ambientae (AIA), per un valore corrente dell’intero provvedimento pari a circa 10milioni di euro.

Dopo il decreto, disposto dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i militari hanno effettuato il sequestro preventivo di ulteriori 13.000 litri di prodotti ed infusi a base di alcool, contenenti sostanze nocive e non ritenuti idonei al consumo umano: la merce oggetto di questo ulteriore sequestro ha un valore commerciale pari a 250.000 euro.

L’attività dell’Arma, in sinergia con l’Agenzia delle Dogane, ha permesso di sventare l’immissione sul mercato di sostanze che avrebbero minato la sicurezza alimentare degli italiani e penalizzato gli operatori onesti che lavorano nello stesso settore.