Carcere di Aversa, aggrediti un agente di Polizia Penitenziaria ed un operatore sanitario

Il carcere di Aversa
SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Non sembra davvero avere fine la spirale di violenza che da alcuni mesi ormai si registra nelle carceri della Campania. Ultimo episodio violento quello accaduto questa mattina ad Aversa, sul quale riferisce il segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Donato Capece:

“In mattinata c’è stata una violenta aggressione in carcere ad Aversa ad un operatore sanitario e ad un Agente di Polizia Penitenziaria da parte di un detenuto già responsabile di altri eventi critici, turbativi dell’ordine e della sicurezza. Il detenuto ha lanciato una sedia contro l’operatore sanitario ed un estintore contro il poliziotto. Entrambi sono dovuti ricorrere alle cure degli altri sanitari, mentre l’intervento di altri agenti ha permesso di fermare il violento ristretto”.

Ferma la posizione del segretario generale del SAPPE, Donato Capece, che sollecita i vertici ministeriali ad intervenire sulle problematiche e sulle criticità di Aversa e della Campania:

“Le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria che svolgono quotidianamente il servizio ad Aversa lo fanno con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità in un contesto assai complicato per l’esasperante sovraffollamento. Ma servono urgenti provvedimenti per frenare una situazione operativa che è semplicemente allarmante.

E’ fondamentale prevedere un nuovo modello custodiale in carcere. Anche la consistente presenza di detenuti con problemi psichiatrici è causa da tempo di gravi criticità per quanto attiene l’ordine e la sicurezza delle carceri del Paese. Il personale di Polizia Penitenziaria è stremato dai logoranti ritmi di lavoro a causa delle violente e continue aggressioni.

Speriamo davvero che cambi qualcosa con il nuovo Ministro della Giustizia ed il nuovo Capo del Dipartimento che in tutti questi mesi, nonostante le centinaia di gravi aggressioni al personale di Polizia Penitenziaria, non hanno fatto assolutamente nulla per frenare questa pericolosa e tragica spirale di violenza nelle carceri”.