Carenza di personale sanitario al Carcere di Santa Maria C. V. E’ stato di agitazione

Carenza di personale sanitario al Carcere di Santa Maria C. V. E' stato di agitazione
Carcere di Santa Maria Capua Vetere
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Lo avevano annunciato già alla fine del mese di maggio, l’allarme dei sindacati casertani per la grave carenza di personale sanitario, una grave carenza che i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil di Caserta hanno portato all’attenzione degli organi competenti.

Al Carcere di Santa Maria Capua Vetere dal 15 giugno in poi, su 27 infermieri due hanno rassegnato le dimissioni (in quanto vincitori di altro concorso) e altri hanno certificato delle inabilità allo svolgimento di determinate mansioni.

glp-auto-336x280
lisandro

Ciò non consentirà la continuità del servizio all’interno dell’istituto penitenziario, soprattutto con l’approssimarsi delle ferie estive.

I segretari con delega alla Sanità, Ciro Vettone (Cgil), Nicola Cristiani (Cisl) e Mario Falco (Uil), hanno inoltrata una richiesta unitaria di incontro urgente al fine di trovare soluzioni per la copertura dei turni carenti e garantire la programmazione delle ferie estive al personale del comparto, al direttore sanitario dell’Asl Caserta, Saverio Misso, al direttore sanitario del Distretto 21, Francesco Frascaria, al dirigente sanitario della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, Pasquale Iannotta e alla direttrice del servizio gestione risorse umane dell’Asl casertana, Concetta Cosentino, non ottenendo però alcuna risposta.

Venerdì 7 giugno le organizzazioni sindacali hanno rinnovato la richiesta dichiarando contestualmente lo Stato di Agitazione del personale

La carenza di personale sanitario, in special modo infermieristico e medico si è ulteriormente  acuita di recente anche per le innumerevoli limitazioni alle mansioni dalle attività espletate in Casa Circondariale.

“Il personale residuo è stremato, deve andare in ferie e allo stesso tempo si devono garantire i LEA. Pertanto, rinnoviamo la richiesta di un incontro urgente per trovare soluzioni alla questione, anche attraverso l’utilizzo della graduatoria dell’avviso pubblico di mobilità per Infermieri.

Della quale graduatoria, prendemmo precisi impegni ad ottobre 2023, sulla sua utilizzazione anche per i Carceri e il 118. Impegni, sottoscritti con il precedente direttore sanitario aziendale dr. Iodice. Nell’attesa, si dichiara lo stato di agitazione del personale dipendente degli Istituti Penitenziari della ASL CASERTA.

Qualora non si riscontri la richiesta in tempi celeri, saremmo costretti ad attivare tavoli istituzionali in altre sedi“.

CGIL FP. CISL FP. UIL FPL
C. VETTONE N. CRISTIANI M. FALCO