Carenza di personale all’ospedale Moscati, la FP CGIL Caserta sostiene la rotazione dei medici

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

L’Ospedale di Aversa si trova ad affrontare, come la maggior parte dei nosocomi pubblici, una grave carenza di personale sanitario. Nell’ultimo incontro organizzativo tra Amministrazione e Organizzazioni Sindacali, la direttrice della struttura Stefania Fornasier ha proposto la rotazione degli specialisti per arginare provvisoriamente il problema.

Questo sistema si attiverebbe attraverso l’istituzione di una guardia medica interdivisionale che prevede lo scambio di medici fra i reparti, in particolare quelli di Medicina generale, Gastroenterologia, Cardiologia, Oncologia ed Ematologia, a seconda delle esigenze. La direttrice ha, inoltre, ricordato che nell’unità di Gastroenterologia, già da tempo, la guardia notturna attiva, festivi e prefestivi viene assicurata dai medici della Medicina Generale.

glp-auto-336x280
lisandro

La proposta ha convinto i rappresentanti sindacali Antonio Mattiello (FP CGIL) e Daniele D’Ambrosio (Anaao) in quanto la proposta di attivazione della Guardia interdivisionale è uno strumento organizzativo aziendale previsto da un punto di vista normativo e contrattuale che non prevede alcuna rotazione dei dirigenti delle Unità Operative equipollenti e/o affini dell’Area Medica ma solo un impegno che addirittura potrebbe essere bimestrale per ciascun dirigente senza alcun impatto sulle liste di attesa.

Allo stesso tempo, tale guardia andrebbe a sopperire il carico di lavoro gravoso affrontato ormai da anni dagli specialisti della Medicina Generale, che arrivano a coprire una media di sette notti/mese (oltre quanto previsto dalla normativa vigente).

Antonio Mattiello e Stefania Fornasier

Le due Organizzazioni Sindacali ribadiscono di essere ovviamente favorevoli ad alternative quali l’implementazione della dotazione organica ma questa strada è poco percorribile per una risoluzione del problema a breve-medio termine dato che la carenza di personale riguarda tutto il territorio nazionale;

mentre l’autoconvenzionamento a 100 euro/ora potrà riguardare unicamente il personale coinvolto nell’attività di PS come da normativa regionale (e non chi sarebbe impegnato nella guardia interdivisionale):

pertanto, quest’ultima proposta ha senso solo se è finalizzata al recupero a tempo pieno del personale medico di Medicina Generale che allo stato condivide il monte orario con il PS.

Per questi motivi, la FP CGIL ritiene di sostenere la proposta d’urgenza della direttrice di presidio, sempre molto attenta alle esigenze della struttura nell’erogare le adeguate assistenze e servizi all’utenza del territorio, tenendo anche in considerazione il continuo impegno della direzione strategica aziendale nel reperire tramite procedure concorsuali personale medico da destinare a questo importante presidio.