Carlo Marino, presidente Anci Campania, chiede un tavolo con i sindaci per rendere più sicuro il territorio

Carlo Marino, presidente Anci Campania, chiede un tavolo con i sindaci per rendere più sicuro il territorio
SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

Il sindaco di Caserta Carlo Marino, in qualità di presidente di Anci Campania, ha scritto al governatore della Regione Vincenzo De Luca chiedendo subito un tavolo con i sindaci, che sono pronti a collaborare per rendere più sicuro il territorio ed evitare altri lutti.

“Il dissesto idrogeologico – così scrive Carlo Marino a Vincenzo De Luca – è la condizione che caratterizza aree dove processi naturali o antropici determinano condizioni di rischio sul territorio. In Campania le zone con tali caratteristiche sono numerose. L’esposizione al rischio, dovuto anche al verificarsi di eventi meteorici estremi, costituisce un problema di grande rilevanza sociale, sia per il numero di vittime – come si è visto nella luttuosa frana nell’Isola di Ischia, sia per i danni prodotti alle abitazioni, alle infrastrutture e all’apparato industriale e commerciale – come avvenuto recentemente nel Cilento.”

MORRA-SMART
simplyweb2023
previous arrow
next arrow

“Anci Campania – continua Marino – è convinta che occorra passare, da una impostazione focalizzata sulla riparazione dei danni e sull’erogazione di provvidenze, a una cultura di previsione e prevenzione, centrata sull’individuazione delle condizioni di rischio e volta all’adozione di interventi finalizzati alla minimizzazione dell’impatto degli eventi.”

“Per questo motivo, apprezzando davvero molto la sua attenzione e il suo monito sull’uso dissennato del suolo, e alla luce del lavoro dell’«Inventario fenomeni franosi» che ha lanciato l’allarme sul 10% del territorio regionale, le chiediamo un incontro urgente per verificare:
1) i punti su cui i Comuni possono collaborare con la Regione Campania per rendere effettivi la programmazione e il monitoraggio degli interventi di difesa del suolo;
2) le azioni da intraprendere nell’immediato per la salvaguardia delle popolazioni interessate al dissesto idraulico e idrogeologico.”

“Sono certo che, appena l’emergenza di Casamicciola glielo consentirà, lei valuterà positivamente già nei prossimi giorni la convocazione di un tavolo di confronto con i Comuni della Campania”.