Carmine Masiello, da Caserta a Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano

Generale Carmine Masiello
Carmine Masiello
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Il generale Carmine Masiello è stato scelto come successore del generale Pietro Serino per guidare l’Esercito italiano nel processo di modernizzazione delle operazioni terrestri. La sua nomina è stata approvata dal Consiglio dei ministri su proposta del ministro Guido Crosetto.

Il generale Masiello, attuale sottocapo di Stato maggiore della Difesa, assumerà il ruolo di Capo di Stato Maggiore dell’Esercito a breve, quando il mandato triennale del generale Serino scadrà il 27 febbraio.

glp-auto-336x280
lisandro

Questo avvicendamento avviene in un momento complesso per la Difesa italiana, con minacce in rapida evoluzione e la necessità di modernizzare i sistemi e le dottrine dell’Esercito per il futuro.

Nato il 28 giugno 1963 a Casagiove, in provincia di Caserta, il generale Masiello ha un profilo di grande esperienza militare. È stato vice direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza dal 2018 e consigliere militare del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni dal 2016 al 2018.

Ha iniziato la sua carriera nel 185º reggimento artiglieria paracadutisti Folgore e ha ricoperto diversi incarichi di rilievo, tra cui capo Ufficio generale del capo di Stato maggiore dell’Esercito e della Difesa.

Il generale Masiello ha anche ricoperto ruoli operativi importanti, come il comando del Regional Command West in Afghanistan e della brigata paracadutisti Folgore. La sua esperienza militare e la sua leadership saranno fondamentali nel guidare l’Esercito nel processo di modernizzazione delle piattaforme e dei sistemi d’arma nel nuovo paradigma del multidominio.

La nomina del generale Masiello rappresenta un importante passo avanti per l’Esercito italiano e per la difesa del nostro paese. Il suo profilo professionale e la sua esperienza lo rendono la scelta ideale per affrontare le sfide future e garantire la sicurezza del nostro territorio.

In questa nuova veste, il generale Masiello avrà il compito di continuare l’urgente percorso di innovazione ed aggiornamento dell’Esercito Italiano, assicurando che rimanga efficace, reattivo e capace di operare in un contesto di sicurezza globale in rapida evoluzione, sempre più critico e tecnologicamente sfidante.

Siamo fiduciosi che il generale Masiello saprà guidare l’Esercito con competenza e dedizione, portando avanti il processo di modernizzazione e garantendo la prontezza operativa delle nostre truppe.