Casa del Sociale “Mamadou Sy” all’Ex Onmi tutto arenato. Oggi pomeriggio riunione per rilanciare l’importante tema cittadino

Una immagine dello scorso anno quando gli operatori del Centro Sociale seguivano gli appuntamenti per lo Sportello Al Reddito in strada
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

La Regione Campania nel 2019, dopo la chiusura dell’ex Canapificio, stanziò 700.000 € per la ristrutturazione di uno stabile che sarebbe diventato il futuro spazio sociale di Caserta, individuato nell’ex Onmi di viale Beneduce.

Il Comune di Caserta aveva l’obbligo di presentare alla Regione il progetto per i lavori di ristrutturazione. Ad oggi con i ritardi del Comune, dovuti alla lentezza nel rispondere alle integrazioni richieste dalla regione, non sono ancora partiti i lavori e sono 5 anni che Caserta è senza una casa del sociale.

glp-auto-336x280
lisandro

Il 10 marzo faremo un’iniziativa nel cortile dell’Ex Onmi per parlare dell’assenza di spazi sociali a Caserta e per richiedere che il comune di questa città si attivi nel completare l’iter necessario per la riapertura dello spazio.

Nel giugno 2021 è stato firmato un patto di collaborazione per questo spazio tra il Comune e oltre 30 associazioni, che sono pronte a gestirlo per tornare a dare finalmente un tetto alle iniziative sociali di Caserta.

Nel videomessaggio la spiegazione di Virginia Crovella, del Centro Sociale e di Caserta Città Viva

Quest’oggi alle ore 18.00, riunione in via S. Gennaro n. 51, oppure online, a questo link meet.google.com/tvv-ukgj-goi con varie associazioni della città, sul percorso di apertura della Casa del Sociale “Mamadou Sy” all’Ex Onmi, e per un confronto in vista di una iniziativa per domenica 10 marzo nel cortile dello spazio.

“Stiamo rilanciando l’attenzione pubblica sul tema, si rischia infatti di perdere i soldi per la ristrutturazione e perderemo come cittadini anche questa opportunità”.