A Caserta il “Capodanno Sicuro” del Comune per salvarci dall’uso incauto dei fuochi d’artificio

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Manca un solo giorno all’ultimo giorno dell’anno. Si chiude questo 2021 e non possiamo dire certo “col botto”, ma soprattutto non vogliamo dirlo e scuserete il gioco di parole.

Non vogliamo dirlo perché i botti dell’ultimo dell’anno sono pericolosi e fanno danno e vittime. Proprio per questo Comune di Caserta e Protezione Civile hanno promosso l’iniziativa Capodanno Sicuro, presentata lunedì 27 dicembre in Largo San Sebastiano a Caserta.

glp-auto-336x280
lisandro

L’iniziativa promossa in sinergia anche con la Polizia Municipale, il comitato di Caserta della Croce Rossa Italiana e l’associazione Nati Liberi – per sensibilizzare la popolazione al corretto uso dei fuochi d’artificio in vista della notte di San Silvestro.

Per l’occasione sono state distribuite le brochure, realizzate grazie alla collaborazione di tutti i soggetti in campo, che fungono da guida per coloro che correttamente intendono divertirsi con prodotti legali, leciti e soprattutto rispettando i diritti di tutti, animali e ambiente compresi.

Inoltre i volontari casertani della Croce Rossa Italiana hanno dimostrato i danni provocati dall’uso incauto dei fuochi d’artificio e dei petardi. Attraverso una simulazione, resa possibile grazie ai truccatori, i volontari della Cri hanno inscenato il ferimento di una persona provocato dopo aver raccolto una bomba carta, apparentemente inesplosa, lasciata in strada.

Infine i vigili urbani hanno fornito ai cittadini informazioni riguardanti i divieti in materia e il sistema sanzionatorio.

In tanti si sono fermati sotto i due gazebo, allestiti per l’occasione in Largo San Sebastiano. Soprattutto i bambini e i giovani che si sono mostrati davvero interessati al corretto uso dei fuochi artificiali. Ai più piccoli i volontari della Protezione Civile hanno distribuito anche le mascherine anti-Covid realizzate dalla Regione Campania.

“Una delle priorità dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carlo Marino è proprio la campagna di prevenzione dai rischi – ha dichiarato Massimiliano Marzo, l’assessore con deleghe, tra le altre, ai Lavori pubblici, alla Protezione Civile e alla Polizia Municipale – Con l’approssimarsi delle feste di fine anno si verifica il maggior numero di incidenti, talvolta mortali, provocati dall’abitudine di accendere petardi e fuochi d’artificio anche illegali.

Per contenere il numero di vittime di questo tipo di incidenti, abbiamo promosso un’iniziativa di sensibilizzazione e informazione rivolta soprattutto ai più giovani, ma non solo.

Mi auguro che i cittadini casertani possano recepire questo importante messaggio, evitando di utilizzare i fuochi artificiali incautamente”.

“Il nostro scopo è quello di prevenire le emergenze – ha aggiunto il coordinatore del gruppo comunale dei volontari di Protezione Civile, Francesco Brancaccio – E’ nostra intenzione riproporre questa manifestazione anche nelle scuole nei prossimi anni.

Ne seguiranno altre di campagne informative per la sicurezza dei cittadini, soprattutto per l’emergenza terremoti e incendi. Ciò perché riteniamo di fondamentale importanza la prevenzione dei rischi. E’ davvero un fallimento quando ci chiamano ad emergenza già in atto”.

All’iniziativa di questa mattina erano presenti per la Polizia Municipale: il capitano Massimo D’Alessio (coordinatore); i marescialli capo Ciro De Summa e Biagio Costa (servizio informazioni sanzionatorie); i marescialli Vincenzo Giusti e Gennaro Mezzullo (servizio pronto intervento per la messa in sicurezza della scena di simulazione). Per il gruppo comunale di Protezione Civile coordinato da Brancaccio erano presenti i volontari Francesco Aliperti, Pasquale Caiazza, Maria D’Alisa, Antonio Vitolo e Giovanni Nuzzi.

Per l’associazione Nati Liberi era presente la presidente Alessandra Pratticò. Infine per la Croce Rossa Italiana – Comitato di Caserta erano presenti, oltre al gruppo di volontari, la presidente Teresa Natale e il medico Angelo Di Carluccio.